Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Di Giandomenico medita di non candidarsi: “In un modo o nell’altro ci sarò”. Ma la corsa a sindaco potrebbe essere a 5

L’ex sindaco e parlamentare, che aveva annunciato prima degli altri la sua presenza nella competizione per le amministrative di Termoli, sta pensando di rinunciare per ragioni personali, anche se non ha sciolto alcuna riserva in modo ufficiale e dichiara: “Il mio impegno per la città rimane intatto, non escludo di poter fare qualcosa anche in altro modo”. L’ufficialità rimandata a sabato mattina, ma sembra molto probabile che la corsa si riduca a 5 candidati a sindaco. All'orizzonte almeno 15 liste in totale

L’ufficialità non c’è e potrebbe esserci solo sabato mattina alle 12, termine ultimo per presentare le liste. Ma stavolta Remo Di Giandomenico potrebbe non essere candidato a sindaco della città di Termoli. L’ex parlamentare Udc starebbe valutando la possibilità di non presentare le due o tre liste sulle quali stava lavorando da settimane, ma conferma l’impegno per Termoli e non esclude altre soluzioni. Difficili dire quali al momento. Intanto è concreta la possibilità che i candidati sindaco siano cinque: D’Ambrosio, Di Michele, Roberti, Sbrocca e Stumpo, con un totale di almeno 15 liste complessive.

Quella che rimbalza con forza nelle ultime ore è però una voce che fa rumore e che trova una mezza conferma. Remo Di Giandomenico, 74 anni, un passato da sindaco nei tempi d’oro della città e di parlamentare della Repubblica, stavolta potrebbe non essere della partita in prima persona. “Il mio impegno per la città rimane intatto, non escludo di poter fare qualcosa anche in altro modo” dice a primonumero.it.

Non è un sì netto che conferma la voce, ma non è nemmeno una smentita in piena regola. Di Giandomenico, attualmente commissario dell’Azienda autonoma di soggiorno e turismo, potrebbe rinunciare per ragioni personali, nonostante il lavoro per comporre almeno due liste, composte da giovani termolesi. La sensazione è che la corsa alla carica di sindaco si riduca a cinque papabili.

Francesco Roberti

Francesco Roberti, guida del centrodestra, avrà con sè almeno sei liste, se non sette. Sono pressoché certe Forza Italia, Lega, Fratelli d’Italia, Popolari per l’Italia, Diritti e Libertà e Siamo Termoli per il Futuro. Incognita su un’ultima formazione di diretta emanazione del candidato sindaco. Intanto prosegue a pieno ritmo la raccolta firme, che per altro riguarda tutte le liste. Servono almeno 170 ‘autografi’ autenticati per potersi presentare venerdì 26 o al massimo sabato 27 aprile, davanti alla commissione elettorale.

Angelo Sbrocca

La maggioranza uscente dovrebbe presentare cinque formazioni a sostegno di Angelo Sbrocca. Si tratta di Partito Democratico, Italia in Comune, VotaxTe Sbrocca Sindaco, Unione per il Molise e Democrazia è Solidarietà. Non è escluso però che fino all’ultimo il centrosinistra riesca a mettere insieme una sesta lista.

antonio-d-ambrosio-148229

Antonio D’Ambrosio avrà alle spalle due o tre liste, a seconda che si riescano a trovare i candidati per completare la terza compagine. Per il momento riserbo sui nomi che daranno il proprio marchio alle formazioni civiche, ma sembra scontato che una porti il nome di Un’altra Termoli, come preannunciato.

Di Michele

Il Movimento Cinque Stelle sarà probabilmente la prima formazione a presentarsi all’ufficio elettorale già venerdì 26. Nick Di Michele e i suoi 24 candidati dell’unica lista col simbolo pentastellato hanno già chiuso i giochi da tempo. La formazione è pronta, le firme ci sono, non resta che attendere la presentazione.

Termoli bene comune Stumpo Marinucci

Non dovrebbe avere problemi Marcella Stumpo con la sua Termoli Bene Comune – La Rete della Sinistra che poche ore fa ha lanciato un appello via social per la raccolta firme nella propria sede di via XXIV Maggio. Ma c’è tempo per farcela, tre giorni ancora e si scopriranno le carte in tavola.