Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Devastata la casetta sulla spiaggia, rabbia per lo scempio di Pasquetta

Uno spettacolo surreale e doloroso. La casetta costruita sulla sabbia è devastata. Sventrata, buste nere di plastica tra il bagnasciuga e le onde, rifiuti ovunque, birre gettate alla rinfusa. Ecco come è stata ridotta la suggestiva costruzione di legno realizzata nell’estate del 2017 dalla signora Olga, una turista di Avellino che ama Campomarino e il suo lido, e che ha messo in piedi un posto magico in mezzo alla spiaggia, sul tratto che va verso il confine con Termoli. Una ’casa’ con materiali di fortuna assemblati abilmente, oggetti restituiti dal mare, legno, conchiglie, tappi, lattine tronchi. Una casa per fermarsi a riposare qualche minuto, godere della bellezza della natura, ammirare il mare e respirare silenzio. “La casa non è mia – aveva confidato Olga a Primonumero – l’importante è rispettare sempre l’ambiente che ci circonda”.

Un auspicio che ieri si è infranto davanti alla maleducazione, alla inciviltà grezza di due coppie che in una manciata di ore hanno distrutto il paziente e amorevole lavoro di molti giorni. Sporcando, vandalizzando quello scrigno di sorprese e bellezza.

 

A denunciare sui social lo scempio una residente questa mattina: “Oggi non sono solo arrabbiata.. sono imbestialita , delusa demoralizzata,amareggiata. Non si dovrebbe arrivare a questi stati d’animo
.in cui desideri solo che l’essere umano scompaia dalla faccia della terra!
Ogni mattina vado al mare coi miei cani, raccolgo cose e ieri lunedì in Albis c’erano 4 ragazzi (due ragazze e due ragazzi )nella casetta sul mare dove di solito arrivo e mi siedo. Si sa, a Pasqua e Pasquetta la spiaggia è mèta di tutti, oggi mentre camminavo ho visto che qualcosa non era come sempre….

Lo spettacolo che si è presentato ai miei occhi aveva del surreale.. Buste nere di plastica raggiungevano le onde
Piatti di plastica, bottiglie spaccate, posate di acciaio e plastica ,fardelli di acqua minerale ancora piene birre buttate ovunque . In quattro sono riusciti a fare una cosa del genere,ma cos’hanno al posto del cervello e del cuore?  Non mi sono mai sentita in questo modo. Siamo senza controllo quindi in diritto di fare ciò che vogliamo”.