Quantcast

Amministrative, Campopiano rilancia la sua idea: “Più collaborazione per il bene della città”

In attesa dell’avvio della campagna elettorale, che dovrebbe partire a stretto giro, il clima elettorale ferve tra dubbi, alleanze più o meno evidenti e programmi politici ancora taciuti. E così, a distanza di circa un mese e mezzo dalle elezioni che rinnoveranno la Giunta di Termoli, i vari partiti sembrano essere ancora in alto mare, non riuscendo a convergere né su un nome né tanto meno sulla linea da seguire, cercando spesso l’appoggio delle civiche per riuscire a recuperare voti.

E mentre si siglano accordi segreti, la scena politica viene analizzata da Oreste Campopiano, già candidato nel collegio uninominale alla Camera dei Deputati con Liberi e Uguali durante le scorse politiche: “Solo qualche giorno fa segnalavo il rischio che l’evidente cortocircuito tra politica e territorio avrebbe potuto produrre conseguenze dannose, sia in termini di omogeneità e coesione della rappresentanza istituzionale, sia in termini di stabilità e di gestione della cosa pubblica – scrive in una recente nota stampa l’avvocato – La mia era una constatazione di facile percezione che purtroppo si sta rivelando prepotentemente e concretamente attuale”.

Se da un lato, infatti, non si riesce ancora a trovare l’equilibrio tra la rosa dei nomi che aspirano alla poltrona di primo cittadino, dall’altro le civiche si stanno organizzando per offrire una soluzione alternativa: “Il crescente numero e l’interesse verso liste di candidati a caratterizzazione civica – si legge ancora nella lettera – Sono il segnale, da un lato della volontà di partecipazione, dall’altro della sostanziale sfiducia dell’elettorato verso i partiti tradizionali ritenuti poco inclini a raccogliere ed interpretare idoneamente quel segnale”.

Sarebbe utili, secondo l’analisi dell’avvocato, riuscire a trovare un accordo almeno sui programmi, in modo da fare l’interesse del territorio: “Ritengo che in questo momento storico, segnato da due oggettive criticità: la lunga e drammatica situazione economica che sta indebolendo anche la solidità dei valori della nostra società e la segnalata debolezza complessiva della politica, non vi sia altra strada percorribile se non quella di raccogliere le energie e le potenzialità che la città esprime e comunque operare affinché prevalga la condivisione sulle divisioni, l’interesse collettivo su quello particolare o di parte, l’attuazione di programmi concreti per il territorio”.

Per evitare che la ‘guerra’ per la spartizione delle poltrone possa influire negativamente sul territorio ed i cittadini, Campopiano ammette che sia arrivato il momento di “mettere in campo un progetto onnicomprensivo che presuppone una delicata ma doverosa discontinuità ed un diverso approccio di metodo, oltre che una altrettanto forte discontinuità nelle logiche e nei criteri di scelta della classe dirigente. Occorre offrire alla città un programma credibile, snello, concreto, realizzabile che guardi innanzitutto al mondo del lavoro ed alle variegate attività economiche del territorio offrendo, attraverso l’Istituzione comunale, supporto, sostegno, apertura ed interlocuzione, ma anche stimolo e collaborazione per rilanciare il ruolo centrale, territoriale e regionale di Termoli stimolando la crescita economica, culturale ed occupazionale”.

Il tutto dovrebbe confluire in una “collaborazione tra partiti, formazioni civiche, associazioni, professionalità che sappia andare oltre le divisioni e le legittime aspettative di ciascuna parte – conclude l’avvocato – Come primo atto si individui chi meglio può assolvere meglio al delicato compito di guidare questo necessario cambio di mentalità e di metodo; si collabori con lui alla costruzione di un gruppo dirigente rappresentativo e socialmente riconosciuto per qualità, onestà e competenze professionali; si guardi al preminente interesse pubblico individuando le necessità prioritarie del territorio. Si tratta in ultima analisi di amministrare al meglio la città in cui tutti viviamo e per la quale è doveroso spendersi. Il percorso è pieno di insidie ma il cuore, la volontà e la determinazione superano ogni ostacolo. Per quanto mi riguarda sarei orgoglioso di favorire questo nuovo corso”.