Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Alessandro-gol, vittoria e salvezza matematica per i Lupi. Agnone tiene accesa la speranza, Isernia delude

Giovedì Santo da ricordare per i colori rossoblù: non solo il successo in esterna, ma anche la decisione del giudice sportivo che ha restituito un punto in classifica al Campobasso accogliendo il ricorso presentato dal club di patron Circelli. Ora la sosta per le festività pasquali in attesa del rush finale del torneo che si preannuncia al cardiopalma per le altre due molisane impelagate nei playout.

Più informazioni su

Dopo l’imprevista battuta di arresto contro l’ultima della classe di domenica 14 aprile, nell’anticipo di campionato del Giovedì Santo il Campobasso conquista tre punti d’oro e mette in cassaforte la salvezza matematica. I rossoblù festeggiano in Abruzzo, allo stadio dei Marsi di Avezzano, espugnato grazie ad una rete firmata da Alessandro, il fantasista ex di turno.

La formazione allenata da Bagatti scende in campo intenzionata a ripartire dopo la sconfitta contro il Castelfidardo che aveva provocato la contestazione da parte dei tifosi. Questa volta contro l’Avezzano Danucci e soci sono più attenti in difesa, mentre in attacco iniziano a pungere sin dai primi minuti. Avvio col turbo: al 6′ azione in contropiede di Alessandro stoppato all’ultimo da Ferrante. Pochi secondi dopo grande sforbiciata di Magri ribattuta da un difensore.

Musetti ci prova poco dopo con un siluro dalla distanza.

A metà tempo la risposta dei locali, vicini al gol con Padovani (31′). Brivido per gli ospiti con la traversa di Pierantozzi (35′). Poi si avvera la più classica legge del calcio: gol mangiato, gol subìto. Il Campobasso passa in vantaggio con Alessandro servito al centro perfettamente da Musetti (36′).

Nella ripresa, forti del vantaggio, gli ospiti provano a pungere in contropiede, mentre gli abruzzesi si riversano in avanti alla ricerca del pareggio. L’Avezzano rischia di beccare il raddoppio in due occasioni: entrambe passano per i piedi di Lo Bello ma non vengono concretizzate. Si combatte in mezzo al campo e passa un po’ di tempo prima di poter annotare un’altra azione sul taccuino.

Ci prova infatti pure Di Lauri al minuto 83, mentre Sposito salva il risultato all’85’. Nel finale c’è il tempo di vedere la conclusione di Cogliati che spedisce la palla alta sulla traversa e la gran botta di Di Lauri che viene parata dal portiere avversario.

Il Campobasso conquista la matematica salvezza e può giocare in tranquillità gli ultimi sgoccioli di campionato. Ciliegina sulla torta: in serata la notizia che il capoluogo aspettava perchè è stato accolto il ricorso presentato dalla società di patron Circelli. Dunque, alla squadra è stato restituito un punto in classifica (ora è a quota 47).

“Oltre all’importante vittoria giunta oggi sul campo di Avezzano – la nota ufficiale del sodalizio – arriva un’altra bella notizia per la società rossoblù. La Corte Federale d’Appello ha accolto il ricorso presentato dai legali del club contro il punto di penalizzazione giunto a stagione in corso. La società, nell’esprimere grande soddisfazione, ringrazia gli avvocati Eduardo Chiacchio, Michele Cozzone e Monica Fiorillo per il prezioso risultato ottenuto”.

Pesante la vittoria conquistata dall’Olympia Agnonese in casa: battuto 3 a 1 l’ostico Pineto. Tre punti che consentono ai granata di tirarsi fuori dal penultimo posto della graduatoria e quindi di evitare almeno per ora il rischio della retrocessione diretta. Perde invece d’Isernia battuta per 1-0 dalla Sammaurese. Se il campionato finisse ora entrambe le formazioni molisane dovrebbero disputare i playout per conquistare la permanenza nel campionato di serie D. Si prevede un finale di torneo al cardiopalma.

(foto pagina Fb Campobasso calcio)

Più informazioni su