Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Sviluppo delle aree interne, il Governo finanzia i progetti di 5 comuni

I fondi del governo per iniziative di sostegno alle attività commerciali e consentire di implementare servizi a favore del terzo settore. Castelverrino, Pescopennataro, Monacilioni, Sepino e San Pietro Avellana: questi i centri interessati.

Più informazioni su

Un finanziamento da 1250mila euro per i progetti presentati da cinque comuni molisani: Castelverrino, Pescopennataro, Monacilioni, Sepino e San Pietro Avellana. Avranno a disposizione 25mila euro ciascuno, stanziati a favore dei comuni montani per finanziare iniziative di sostegno alle attività commerciali e consentire di implementare servizi a favore del terzo settore.

I fondi – complessivamente 11 milioni di euro – sono stati stanziati con un decreto firmato dai ministri per gli Affari regionali e le Autonomie, Erika Stefani, dell’Interno, Matteo Salvini e dell’Economia e delle finanze, Giovanni Tria. “Si tratta di un aiuto concreto per incentivare le piccole imprese locali”, dice il titolare del Viminale. “Tra gli obiettivi, intendiamo aumentare anche i servizi di trasporto che possono rivelarsi un volano per le attività commerciali”.

Sono stati selezionati 407 progetti presentati dai comuni e unioni di comuni sull’intero territorio nazionale, di cui 18 pluriennali e ben 389 annuali. Mentre l’investimento, pari a 11.197.867 euro, rientra nel Fondo integrativo per i comuni montani.

“I comuni destinatari dei finanziamenti sono quelli classificati come interamente montani, secondo l’elenco Istat”, si legge in una nota. “I progetti finanziabili riguardano lo sviluppo socio-economico delle aree montane, in particolare incentivando le offerte commerciali comprendenti servizi diversi, le attività di consegna a domicilio e l’implementazione dei servizi di trasporto”.

I finanziamenti sono per Piemonte, Valle d’Aosta, Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Marche, Lazio, Molise, Campania, Puglia, Calabria, Basilicata, Sicilia e Sardegna.

Più informazioni su