Ritorno al Medioevo con il secondo Palio di San Timoteo: il 4 e 5 maggio un tuffo nel passato

Un tuffo nel passato, ad un tempo in cui ci si riuniva attorno ad una tavola imbandita ed i giochi occupavano gran parte della giornata, intensificandosi in alcuni periodi. È nel Medioevo, a cavallo tra il XI ed il XIII secolo che il torneo diventa lo strumento per guadagnare onori, ma anche occasione per incontri politici tesi a rinsaldare alleanze o portare a termine impegni.

È su questa scia di rinnovata sensibilità per la sfera ludica e per conservare la memoria del tempo che ‘Ordo Cavalieri Termole’ e l’associazione turistica ‘Pro Loco Termoli’ organizzano la seconda edizione del ‘Palio di San Timoteo’. Le due realtà, radicate da anni sul territorio e da sempre impegnate in eventi finalizzati a riproporre personaggi ed accadimenti della Termoli Medievale, quella che dal X al XIII secolo ha caratterizzato la vita della nostra città, ripropongono l’atteso evento in collaborazione con la parrocchia San Timoteo e le associazioni locali che prendono parte all’organizzazione.

Dopo il successo di pubblico dello scorso anno che è stato in grado di riempire la città e di rinsaldare il legame con il compatrono a cui è dedicato l’evento, il 4 e 5 maggio torna l’appuntamento con il medioevo: un fine settimana, sabato e domenica, che ripercorrerà il rapporto tra uomo e storia, attraverso le esibizioni delle danzatrici, i musicisti medievali, l’abilità degli artisti di strada, i giochi d’altri tempi, la destrezza degli sbandieratori, i cortei di gruppi storici che renderanno reale il tutto nel passato, fino agli illustri falconieri ed alla cena medievale a corredo del week-end che animerà tutto il centro.

Immancabile ed attesissima la sfida fra i 4 rioni del Borgo Antico che si daranno battaglia all’ultimo secondo a suon di destrezza, precisione e caparbietà per aggiudicarsi il premio più ambito: la possibilità di portare l’effige di San Timoteo durante la processione di sabato 11 maggio. L’intento della manifestazione è tornare al XIII secolo e rendere omaggio al Santo Compatrono, le cui reliquie sono custodite in città dall’anno 1239, quando il vescovo Stefano le nascose nella cripta della Cattedrale.

Un week-end ricco di divertimento, gioia ed emozione che non solo rinsalderà l’antico legame tra i termolesi e il Santo a cui la città è devota, ma rinnoverà il desiderio di vittoria e di una sana e sportiva competizione a suon di destrezza ed abilità. Anche i meno competitivi o pratici avranno modo di mettersi in gioco grazie ai giochi medievali che animeranno il Borgo Antico e le vie del centro di Termoli, solleticando la fantasia e la mente. Segnate le date sul calendario e non mancate.

Evento