Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Appartamento in fiamme per il cortocircuito di un frigo: coppia salva per miracolo

L'incendio è esploso attorno alle 16, sul posto i vigili del fuoco con un'autobotte, un'autoscala e una pattuglia del nucleo investigativo che dovrà relazionare sulle cause. Necessari ulteriori accertamenti. I due coniugi sono stati fatti evacuare

Poteva finire in tragedia, per fortuna il pronto intervento dei Vigili del fuoco ha evitato il peggio. E due coniugi di 73 e 69 anni alle prese con le fiamme divampate all’improvviso nel vano cucina, sono stati tratti in salvo.

vigili-del-fuoco-parco-dei-pini-146100

I pompieri di via sant’Antonio dei Lazzari sono intervenuti oggi pomeriggio, poco prima delle 16, in zona Parco dei Pini a Campobasso, per un rogo che ha coinvolto un appartamento al secondo piano di una palazzina residenziale in Piazzale Scarano.

vigili-del-fuoco-parco-dei-pini-146101

Al lavoro con tre mezzi, tra cui anche una pattuglia del nucleo investigativo, hanno eseguito subito lo spegnimento delle fiamme e poi bonificato l’immobile.

L’incendio non ha causato danni strutturali ma la casa per ora è inagibile e i proprietari al momento sono stati fatti evacuare. Difficili e lunghe le operazioni di spegnimento del rogo, a causa della quantità di fumo che si era sviluppato nell’appartamento. Il pronto intervento dei Vigili del Fuoco ha permesso di evitare una tragedia ed ha prevenuto il propagarsi dell’incendio anche in altre abitazioni.

vigili-del-fuoco-parco-dei-pini-146098

Molte le persone scese in strada, spaventate dal fumo e dalle fiamme. A causare l’incendio, secondo una prima ed ipotetica ricostruzione degli investigatori del comando di via Sant’Antonio dei Lazzari sarebbe stato un cortocircuito partito da un grande elettrodomestico: presumibilmente un frigorifero. Ma si tratta di ipotesi che sono ancora al vaglio degli inquirenti.

Le verifiche dei pompieri infatti sono ancora in corso. Sul posto questa pomeriggio hanno lavorato per diverse ore un’autobotte, un’autoscala e una pattuglia del Niat, il Nucleo Investigativo Anticendio. Sul luogo anche la Polizia di Stato.