Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Dopo la pioggia la nuova rotonda del paese diventa un lago. E spuntano perfino le anatre

Più informazioni su

Naturalmente l’anatra mandarina e le sue amichette fotografate in pieno centro urbano sono finte. Si tratta di stampi di plastica: molto realistici, non c’è dubbio, ma pur sempre finti. Il laghetto invece è proprio vero. Nel senso che lo spazio urbano a ridosso della nuova rotatoria realizzata all’ingresso di Campomarino si è nuovamente trasformato in una palude, e le papere sono la “ciliegina sulla torta” posizionata da qualche bontempone che, molto acutamente, ha colto il colpo d’occhio e ha messo in evidenza il problema con una buona dose di ironia.

Anche perchè lo stagno che si crea ogni volta che piove – come accaduto questa mattina, dopo l’acqua abbondante caduta durante la notte – non è un fenomeno isolato ma una criticità sistematica che mette l’accento su lavori eseguiti non proprio a regola d’arte (a voler essere generosi) e sul potenziale pericolo rappresentato dall’accumulo di acqua in un tratto molto trafficato, dove gli automobilisti rischiano incidenti a catena e i poveri pedoni sono costretti a calzare stivali di gomma come per attraversare il guado di un fiume.

Chiaro che urgono provvedimenti, prima che al posto delle anatre finte là in mezzo ci finisca dell’altro. Per sdrammatizzare, ma anche per ricordare a popolazione e amministrazione comunale con quale problema si ha a che fare, il consigliere di minoranza Luigi Romano, che ha più volte sottolineato proprio quel problema, ha firmato un post ironico dal titolo: “Campomarino ed il laghetto incantato”.   Ecco il testo, a corredo delle eloquentissime immagini con tanto di paperelle su strada: “Un gran bel lavoro che denota quanta passione e amore ci si mette per il proprio……paese.  Attrazione turistica con acqua alle papere. Vergogna”.

 

Più informazioni su