Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Asilo via Jezza “sarà abbattuto e ricostruito”. Battista trova i soldi per la materna a rischio crollo

Con 1,5 milioni di euro anche la materna di via Jezza sarà abbattuta e ricostruita. L'allarme sicurezza era stato lanciato dalla stessa Amministrazione di centrosinistra, prima ancora che l'Università certificasse i pericoli. Nei prossimi mesi arriveranno le ruspe a demolire il plesso cittadino.

Che non godesse di “buona salute” era un fatto noto da anni. Ma solo oggi il sindaco di Campobasso ha annunciato ufficialmente che anche la scuola materna di via Jezza sarà abbattuta e ricostruita.

Un milione mezzo di euro, tanto c’è a disposizione per rifare da zero la materna rientrata nel piano di rinnovamento del patrimonio scolastico cittadino dopo una prima esclusione dovuta al mancato riconoscimento del finanziamento pubblico da parte del ministero dell’Istruzione nonostante una deliberazione della giunta di centrosinistra che già il 16 luglio del 2018 aveva optato per la demolizione del plesso. Poi, a fine agosto, un mese e mezzo dopo, a rendere ancora più teso il clima, la consegna sulla scrivania di Antonio Battista dello studio sulla vulnerabilità della scuola andato ad allungare l’elenco di quelle a rischio sismico nel capoluogo.

Da allora il sindaco ha continuato a lavorare per cercare il denaro necessario a ricostruire l’asilo che, al pari di altre strutture (via Crispi, Cep, Vazzieri e contrada Mascione) sparirà nei prossimi mesi sotto i colpi delle ruspe per far posto a edifici nuovi e sicuri.

“Un tassello – commenta Battista – che si aggiunge al complesso mosaico che l’amministrazione ha messo in piedi per realizzare poli scolastici, sicuri ed accoglienti, tanto per i ragazzi quanto per il personale, ma anche pronti ad aprirsi alla città. Insomma ‘contenitori’ adatti ad una socialità che si rinnova nei quartieri, fulcro del rilancio dell’intera città”.