Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

A Petrella la Festa regionale della Polizia Municipale. “Urgente una riforma” foto

Si è svolta domenica 10 marzo la XXII edizione della Festa regionale della Polizia municipale, organizzata dal Comune di Petrella Tifernina e dalla Regione Molise, e con la collaborazione dell’A.Mo.Po.l. All’evento hanno partecipato le massime autorità civili, militari e religiose, oltre ai rappresentanti della Polizia Locale di numerosi comuni molisani.

I saluti istituzionali per l’apertura della giornata sono stati affidati al Governatore Donato Toma e al sindaco di Petrella Tifernina Alessandro Amoroso.

Festa Polizia Municipale a Petrella

Di spessore gli interventi succedutisi alla Tavola rotonda sul tema “Polizia Municipale, quale futuro? – Quadro Regionale e Prospettive Nazionali”, moderata dal Presidente Amopol Domenico Esposito, in cui si è esaminata una questione che proprio in questi mesi tanto discussa sia a livello regionale che nazionale: la “sicurezza” e soprattutto la Riforma della Polizia Locale. La normativa regionale vigente sulla Polizia locale è ferma al 1990, mentre un progetto di riforma della “Legge Quadro sull’ordinamento della Polizia Municipale” viene portato avanti, a livello nazionale, dal Sottosegretario di Stato al Ministero dell’Interno, Carlo Sibilia.

L’obiettivo, condiviso da tutti gli intervenuti, è quello di creare uniformità tra tutto il personale della Polizia Locale, a partire dalle divise, dai gradi e dalle funzioni operative, con la priorità di potenziare anche la presenza su territorio con nuove unità e intensificare il rapporto con i cittadini.

Tra gli interventi quello di Pietro Cappella, Vice Commissario della Polizia Municipale di Termoli, che ha presentato i dati relativi alla situazione attuale sulle unità impegnate in regione. “Attualmente nel 50 per cento dei comuni la figura del Vigile Urbano manca, sempre più Comuni fanno ricorso a “convenzioni”. In molti casi un Vigile lavora per 36 ore divise in tre paesi diversi. La situazione è stata definita preoccupante anche perché “è diminuito del 23% il numero dei Vigili negli ultimi 8 anni, nel 2010 le unità operative erano 239 e oggi solo 139, ossia un Vigile per 1686 abitanti, con una media di 53 anni e di questi molti andranno a breve in pensione”. Si reputa pertanto necessaria una riorganizzazione ed una riforma.

Ivano Leo, Presidente nazionale associazione Polizia Locale, auspica una riforma urgente. “Un progetto dell’associazione PL è stato promosso a Bruxelles insieme ad altre componenti, nel recupero di dignità, ruoli, funzioni e garanzie per i 60mila uomini e donne della polizia locale. La Polizia Locale non è seconda a nessuno, sentiamo la necessità di una filiera di sicurezza, dove ad essere coinvolti sono i Comuni, le Regioni e lo Stato”.

Massimiliano Mancini, Segretario Generale Unione Polizia Locale Italiana (UPLI) è dello stesso parere e chiede una riforma non più derogabile dopo oltre trent’anni dalla legge quadro.

Il Presidente Toma e il vice Presidente Cotugno si sono detti coscienti delle difficoltà di organico della Polizia Locale, degli oneri e delle funzioni proprie del comparto e anche alle attrezzature e dei mezzi a disposizione. “La nostra intenzione è quella di prendere in esame una proposta di legge, capace di mettere in rete tutto il sistema della Polizia Locale molisana, un coordinamento regionale”.

Festa Polizia Municipale a Petrella

Durante la giornata è stata consegnata anche una menzione speciale con lode ad Antonio Carissimi, Maresciallo Luogotenente di Petrella Tifernina, con la seguente motivazione: “Per lo spirito di sacrificio profuso nell’assistere la popolazione di Petrella Tifernina, colpita dal sisma del 2002”.

I Comuni presenti sono stati omaggiati di una copia di un quadro di un artista locale, Antonio Ruscitto, che ritrae la navata destra della chiesa di Petrella.

In chiusura dell’incontro il Sindaco Amoroso e il Presidente Amopol Esposito, soddisfatti dell’incontro e grati agli intervenuti, hanno annunciato anche un prosieguo in ambito di formazione della PL a cui già stanno lavorando.

Alla fine della Tavola Rotonda un corteo che dalla Sala Museale ha visto sfilare i Gonfaloni dei Comuni presenti e deporre una corona di alloro al monumento dei Caduti. Poi la santa messa officiata da monsignor Giancarlo Bregantini nella chiesa di San Giorgio martire.