Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Volontari di Fare Verde e migranti piantano venti nuovi alberi da frutta per ridurre le emissioni di Co2 foto

La passione, l’amore per la natura e per il territorio si sono fuse nell’iniziativa ‘È tempo di piantare alberi’ che l’associazione Fare Verde Campobasso sta portando avanti in partenariato con la società maltese ‘Traducendo Company Limited’ e la spagnola ‘In Viaggio’. L’ultimo appuntamento promosso ha visto protagonisti non solo i volontari, ma anche i migranti ospiti del Centro di Accoglienza Eden-HR che operano nell’ambito della Cooperativa sociale Hayet che questa mattina, domenica 17 febbraio, hanno piantato venti nuovi alberi da frutta.

Le piante sono state messe a dimora nella fattoria ‘Griot’ di Bojano, città che, dopo Campobasso, è stata scelta nell’ambito del progetto ambientalista per bilanciare le emissioni di Co2. “È  stata una bellissima mattinata di impegno, amicizia, volontariato ed integrazione”, commentano dall’associazione tramite una recente nota stampa. Il percorso di ‘Azione ed integrAzione’ che Fare Verde promuove da anni sul territorio regionale, si è arricchito dell’ennesima riuscitissima giornata ecologica. Il tutto grazie alla preziosa collaborazione della Cooperativa Hayet, un esempio virtuoso di piena integrazione finalizzato allo sviluppo di rapporti lavorativi e circuiti economici etici, sostenibili e fortemente orientati a modelli di economia circolare.

piantare alberi

Con la messa a dimora delle nuove piante si è conclusa la campagna di compensazione 2018/2019 che ha dato nuovo spazio a 40 nuovi alberi, prevalentemente da frutta, tutti impiantati in contesti ad alta valenza sociale. Spesso, infatti, ci si dimentica di quanto sia fondamentale mantenere un equilibrio con la natura, arricchendo il patrimonio arboreo delle città e sensibilizzando la popolazione sull’importanza di rispettare l’ecosistema, senza dimenticare lo straordinario compito che svolgono gli alberi: riduzione del calore durante i periodi estivi, approvvigionamento dell’ossigeno, contenimento delle emissioni di Co2 che vanno ad accrescere il riscaldamento globale, capacità di dare rifugio ad animali e ad altre piante. Tutti obiettivi che, grazie a queste giornate, sono un po’ più vicini.