Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

“Made in Italy”, ecco la fiction che racconta il boom della moda col volto di Greta Ferro

Terminate le riprese, su canale cinque arrivano le quattro puntate in cui Raoul Bova, che interpreta Giorgio Armani, insieme ad un cast d’eccezione, narra la Milano degli anni ’80 fino all'esplosione dello stile italiano nel mondo. Protagonista è la modella 23enne di Campobasso figlia di Gilda Antonelli e dell’Ad del pastificio “La Molisana”

Si intitola “Made in Italy e farà la rivoluzione. Per la prima volta una fiction tv usa abiti originali “prestati” dalle Maison.

Secondo l’Ansa, la protagonista è Greta Ferro, primo volto italiano di Giorgio Armani Beauty che nella fiction –  prossimamente su canale cinque – è  Irene, figlia di immigrati dal Sud. A metà anni ’70, la ragazza per mantenersi agli studi risponde all’annuncio della rivista di moda Appeal, conquistando subito un ruolo di prestigio. La ragazza incontrerà stilisti italiani che stanno muovendo i primi loro passi e destinati poi a diventare icone mondiali. Attraverso la storia di Irene, la sua vita privata e lavorativa,  racconterà la storia di una generazione che ha vissuto gli anni ’70, quelli del divorzio, dell’emancipazione femminile e dell’amore libero.

 In “Made in Italy c’è Raoul Bova nei panni di Giorgio Armani. Letteralmente, molto probabilmente: ad avere aperto i suoi archivi ci sono infatti brand come Albini, Curiel, Fiorucci, Krizia, Missoni, Valentino. Case di moda, come dicevamo all’epoca. Stefania Rocca è Krizia.

Back to la Milano a cavallo tra gli Anni 70 e 80. Quella in cui Giorgio Armani, Gianfranco Ferré, Krizia, Missoni – solo per citarne alcuni – facevano la rivoluzione. Della Moda e del costume.

Made in Italy è una produzione Taodue per Canale 5. Registi sono Luca Lucini (Tre metri sopra il cielo) e Ago Panini. Quattro puntate per raccontare come la moda italiana conquistò il mondo. Nel cast, Raoul Bova, Marco Bocci, Margherita Buy. Ed Eva Riccobono, Fiammetta Cicogna, Valentina Carnelutti, Giuseppe Cederna.

Oltre che a Milano, le riprese si sono svolte anche a New York e in Marocco.