Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

La scuola Montini ultima tappa del premier. “Rispettate sempre insegnanti e compagni”, il messaggio agli studenti

Prima di proseguire il viaggio per Potenza, il premier si è fermato per una visita privata all'istituto comprensivo del Cep

E’ in ritardo sulla tabella di marcia della giornata. Nonostante ciò, il premier Giuseppe Conte mantiene l’impegno e prima di partire per Potenza – seconda tappa del suo viaggio – prima di lasciare Campobasso si reca all’istituto comprensivo Montini. Una visita privata, senza le telecamere. E’ forse il momento più intimo della mattinata in Molise, sicuramente quello più emozionante.

Il presidente del Consiglio dei Ministri, accompagnato dalla prefetta Maria Guia Federico, viene accolto dalla dirigente scolastica Agata Antonelli, dall’avvocato Stefano Maggiani (presidente del consiglio d’istituto), dai docenti e dal personale scolastico. Presente anche il capo dell’Ufficio Scolastico regionale Anna Paola Sabatini.

Conte alla Montini

“Benvenuto nella grande famiglia della Montini”, il messaggio della preside. Nel suo intervento, illustra le peculiarità di un istituto che conta tra i 900 e i mille alunni, ‘cuore’ pulsante del quartiere Cep di Campobasso. “Per il quartiere la scuola ha svolto un ruolo fondamentale per il cambiamento del territorio e per la crescita culturale e sociale delle comunità”, le sue parole. Poi l’apprezzamento nei confronti del premier: “Continui ad essere la nostra ‘bussola’, continui ad essere costruttore di pace”.

Conte alla Montini

Un intermezzo musicale con i ragazzi dell’orchestra Montini che eseguono ‘La vita è bella’ di Nicola Piovani, poi Conte si sofferma a parlare qualche minuto con gli studenti.

“Ai ragazzi ha sottolineato il valore della scuola e del rispetto a tutti i livelli: nei confronti dei docenti e tra di loro”, riferisce poi a Primonumero la dirigente scolastica. “Per me è stata una grande emozione: per la prima volta un presidente del Consiglio visita un istituto molisano. Il fatto che sia venuto nella nostra scuola ci onora tantissimo”.