Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Il comitato spontaneo chiama a raccolta i cittadini: “Organizzate eventi per la settimana di Carnevale”

Il comitato cittadino spontaneo ‘Illuminiamo Portocannone’ è in fermento per l'evento di Carnevale organizzato per sabato 2 marzo. L'iniziativa è con contributo dei partecipanti e si svolgerà all'interno di un locale ristorante conosciuto del paese, ma nello stesso tempo fa appello a tutte le realtà locali ad organizzare anche altre iniziative inerenti le feste che portano al martedì grasso.

A Portocannone c’è tutta la volontà di regalare momenti di svago e di divertimento ai più piccoli, organizzando feste che coinvolgano, quanto più possibile, un indotto non solo di residenti ma anche di turisti. Per questo il comitato spontaneo ‘Illuminiamo Portocannone’, al motto ‘Più si fa e meglio è’, è in fermento con i preparativi della festa di Carnevale che si svolgerà all’interno di un locale ristorante il 2 marzo. Un regalo, nel vero e proprio senso della parola, che un gruppo nutrito di cittadini sta impacchettando per i bambini. Reduci dal successo delle luminarie, proposte durante lo scorso Natale, il comitato vuole aggiungere un altro trionfo al proprio medagliere.

“Troppe volte anche nella nostra comunità si sente spesso dire tra la popolazione qui non si fa mai niente”, scrivono in una nota stampa che annuncia la volontà di regalare ai più piccoli un po’ di divertimento. Portocannone è un paese ricco di potenzialità e di storia che, sfortunatamente, sta vivendo un periodo economicamente sfavorevole che non permette all’amministrazione di organizzare feste. Un ostacolo che non ferma il comitato cittadino che organizzerà comunque un veglione con cena.

Un’occasione che animerà gli animi di coloro che parteciperanno nella speranza che “oltre all’iniziativa con contributo già programmata per questa giornata – commentano dal comitato – Ce ne siano altre nell’arco dei giorni di festa, soprattutto nel giorno del cosiddetto martedì grasso, che quest’anno cadrà il 5 marzo, tese soprattutto e ancora di più al coinvolgimento dei bambini”.

L’organizzazione della festa allegorica più amata dai bambini è stata possibile grazie al “coinvolgimento dell’intera popolazione che ha contribuito fattivamente alle spese organizzative ed emotive – fa sapere il comitato – In paese si è riaccesa la voglia di intraprendere nuove iniziative, da parte di giovani e genitori”. Gesti nobili e generosi, come sottolineano nella nota stampa, in grado di ampliare il movimento in arrivo nel paese.