Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Differenziata, da marzo nuova gestione. Stop al secco all’ecocentro e più controlli al venerdì

La Giuliani Envirnment prenderà servizio dal prossimo 1 marzo. Al via a breve gli incontri informativi, nessuna novità nel calendario di raccolta ma verifiche sul conferimento dell'indifferenziato

Partirà dal 1 marzo prossimo la nuova gestione della raccolta differenziata nei nove paesi dell’Unione dei Comuni Basso Biferno. Poche le novità previste e molte delle quali riguardano il secco indifferenziato, così da aumentare la percentuale di rifiuti differenziati. Dopo le frizioni delle scorse settimane fra l’ente e la ditta Giuliani Environment, la società campobassana ha firmato il contratto che le dà diritto alla gestione della raccolta dei rifiuti per i prossimi sette anni a Campomarino, Petacciato, Montenero di Bisaccia, San Giacomo degli Schiavoni, Montecilfone, Guglionesi, Portocannone, Ururi e Larino per una cifra superiore a 23 milioni di euro complessivi.

Dalla prossima settimana sono previsti gli incontri informativi nei vari Comuni, durante i quali i tecnici della Giuliani spiegheranno ai cittadini le modalità del conferimento e della raccolta dei rifiuti. Ma sostanzialmente dovrebbe cambiare molto poco per i residenti.

Contrariamente a quanto previsto dal contratto, nel quale è previsto che la carta e il vetro vengano raccolti ogni due settimane, almeno inizialmente gli operatori ecologici eseguiranno gli stessi passaggi previsti finora. Quindi carta al martedì e vetro al venerdì, senza modifiche di calendario. Non verranno sostituiti i mastelli attualmente utilizzati.

Un cambiamento sostanziale sarà invece nel fatto che non sarà più consentito ai cittadini di portare i rifiuti indifferenziati nell’ecocentro del proprio Comune. Lo stop a questo tipo di conferimento è previsto per legge e la Giuliani non è intenzionata ad andare incontro a possibili sanzioni. Oltretutto la ditta che prenderà in mano il servizio a breve intende spingere molto sui controlli al venerdì, giorno in cui va conferito il secco indifferenziato.

I controlli verranno eseguiti dalla Polizia Municipale, o in caso di carenza di personale, dato che alcuni Comuni ne sono sprovvisti o non ne hanno a sufficienza, si potranno fare delle convenzioni con le associazioni di guardie ecologiche. Inizialmente i controlli cercheranno di mettere i cittadini sulla buona strada, dando indicazioni su cosa e come differenziare. Al massimo gli operatori potranno apporre un bollino su quei rifiuti non differenziati a dovere e che quindi non verranno ritirati.

Solo in un secondo momento e in caso di numerose recidive, si potrà arrivare a delle sanzioni che potrebbero anche essere molto pesanti, nell’ordine di qualche centinaio di euro. Altra possibile novità dei prossimi mesi è quello delle isole ecologiche, già esistenti in alcuni centri come Campomarino e Petacciato, e che dovrebbero essere aumentate per numero. Uno strumento che si è rivelato utile per migliorare il servizio ed evitare abbandoni di immondizia per strada.

Intanto a Petacciato è stato sospeso dal 14 al 28 febbraio il conferimento di materiale ferroso, ingombranti e sfalci di potature nell’ecocentro alla zona Pip del paese, per via del cambio di gestione. Il servizio riprenderà regolarmente da marzo con la nuova dita.