Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Cittadini europei di domani, in arrivo 25 ragazzi dalle scuole dell’UE per Erasmus+

All’Istituto Omnicomprensivo di Montenero di Bisaccia fervono i preparativi per l’apertura delle operazioni di mobilità transnazionale del programma Erasmus+ che vedrà protagonisti i ragazzi delle scuole medie di Montenero e Mafalda. Si intitola ‘Cittadini Europei di domani’ il progetto di scambio che consentirà a 25 giovani studenti provenienti da Portogallo, Macedonia, Romania e Turchia che, accompagnati dai loro insegnanti, saranno ospiti delle scuole medie per un’intera settimana a partire da domenica 17 febbraio.

Il programma europeo di scambio culturale permetterà ai ragazzi provenienti dai paesi dell’UE di immergersi nella vita scolastica molisana, nelle attività fuori dalla scuola e di conoscere il Molise. Un’occasione unica, riproposta nuovamente a Montenero dopo il primo percorso biennale, che accrescerà esperienze e conoscenze di tutti i ragazzi.

Sono molteplici gli obiettivi del progetto: non solo preparare i ragazzi all’internazionalizzazione sia nel mondo lavorativo che linguistico, grazie al dialogo in altre lingue, ma anche la conoscenza di diversi stili di apprendimento che saranno sperimentati nelle varie tappe della mobilità. Si lavorerà su vari fronti e livelli di apprendimento alla fine dei quali ci saranno questionari online, un sito web, una pagina facebook per continuare a cooperare online. Lo stile visivo di apprendimento sarà potenziato in varie materie: le scienze, universali per tutti, la matematica per gli studenti macedoni,  l’inglese per i rumeni, la geografia per il Portogallo e la storia per la Turchia.

Equità, inclusione e benessere sociale passano anche dalla condivisione di valori quali la comprensione interculturale e il senso di appartenenza ad una comunità. Scuola e comunità quindi daranno vita ad una sinergia che vedrà protagonisti gli alunni di Montenero e Mafalda, che si preparano a diventare cittadini europei di domani insieme ai loro coetanei di altri Stati.