Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Giovane ospite di un centro migranti fermato sul treno con 250 grammi di “fumo” nello zaino foto

Probabilmente la droga era stata acquistata a Napoli, città dalla quale aveva appena fatto ritorno in treno. Il ragazzo di nazionalità nigeriana è stato arrestato e portato nel carcere di Campobasso. Nella sua stanza al centro di accoglienza "Nero a metà" di Castelmauro sono stati scoperti anche due bilancini per pesare le dosi.

Più informazioni su

È passato direttamente dal centro di prima accoglienza “Nero a metà” – che si trova nel Comune di Castelmauro – al carcere di Campobasso, dove ora è a disposizione dell’autorità giudiziaria. L’accusa è detenzione e spaccio di droga, e lui è un giovanissimo nigeriano che è stato fermato ieri alla stazione di Campobasso subito dopo essere sceso dal treno proveniente da Napoli.

Probabilmente è stato il suo nervosismo evidente a insospettire gli agenti della Polizia Ferroviaria che, impegnati in una serie di accertamenti proprio finalizzati alla prevenzione dello spaccio, hanno deciso di approfondire e hanno controllato il suo zaino. Dentro, con poche sorprese, c’era un involucro avvolto nel cellophane con circa 250 grammi di hashish, come confermato dal narcotest della Scientifica.

I controlli sono andati avanti – e non poteva essere altrimenti – anche presso il suo domicilio, che in questo caso coincide con il centro di accoglienza di Castelmauro. Nella stanza che ospita il 22enne insieme ad altri migranti in attesa dei documenti gli operatori della Squadra Mobile della Questura di Campobasso hanno trovato due bilancini di precisione, quelli comuni utilizzati per pesare lo stupefacente.

Naturalmente sono stati sequestrati mentre il giovane migrante è stato dichiarato in arresto e portato nella casa circondariale del capoluogo. Una spiacevole esperienza anche per il Cas, i cui gestori, non avendo chiaramente funzioni di polizia, non possono verificare situazioni simili. Naturalmente il ventiduenne non potrà fare ritorno nella struttura. Si indaga anche per capire dove e da chi avesse preso il rifornimento di hashish da smerciare in zona.

Più informazioni su