Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Tornano le ‘Arance della salute’. Lo Scientifico aderisce al progetto ‘Cancro, io ti boccio’

Airc ha aperto il nuovo anno di raccolta fondi assieme ai suoi ventimila volontari che sabato 26 gennaio saranno impegnati in 3000 piazze a distribuire le arance della salute, frutto simbolo dell'alimentazione sana e protettiva grazie alle sue straordinarie proprietà

Non solo in piazza: sabato 26 gennaio sarà possibile trovare le arance della salute di Airc anche al liceo scientifico di Campobasso. Il ‘Romita’ infatti ha deciso di aderire all’iniziativa dell’associazione di ricerca ‘Cancro, io ti boccio’: alunni, genitori ed insegnanti saranno dunque impegnati per un giorno come volontari e distribuiranno il frutto nel banchetto che sarà allestito all’interno dell’edificio di via Facchinetti.

Airc ha aperto il nuovo anno di raccolta fondi assieme ai suoi ventimila volontari che sabato 26 gennaio saranno impegnati in 3000 piazze a distribuire le arance della salute, frutto simbolo dell’alimentazione sana e protettiva grazie alle sue straordinarie proprietà. “Si tratta – spiegano gli organizzatori – di arance rosse italiane che contengono gli antociani, pigmenti naturali dagli eccezionali poteri antiossidanti, e circa il 40% in più di vitamina C rispetto agli agrumi”.

Del resto, “anche l’alimentazione può diventare un alleato per prevenire il cancro, oltre alla riduzione di fattori di rischio come la sedentarietà e l’obesità”. Fondamentale, poi, eliminare il fumo.

Alcuni tipi di tumore, quelli che interessano esofago, stomaco e intestino, sono più sensibili agli effetti dell’alimentazione. La conferma viene da grandi studi internazionali che per oltre 20 anni ha osservato le abitudini alimentari dei cittadini europei. Un’alimentazione salutare da sola però non basta. È importante associare ad una dieta varia ed equilibrata un’attività fisica regolare, almeno 30 minuti di camminata al giorno, che contribuisce a diminuire il rischio di tumore al colon e all’endometrio, oltre ad influire sulla prevenzione del cancro al seno”.