Toma: “Ok al reddito di cittadinanza ma con quali risorse?”

Il governatore in conferenza delle Regioni ha affrontato l'argomento ricordando che il " problema è, poi, verificare come questa misura sarà declinata sui territori, quale impatto avrà sulle situazioni locali ma, soprattutto, secondo quali modalità le Regioni dovranno gestirla"

“Sotto il profilo concettuale, il reddito di cittadinanza è una buona iniziativa. Il problema è, poi, verificare come questa misura sarà declinata sui territori, quale impatto avrà sulle situazioni locali ma, soprattutto, secondo quali modalità le Regioni dovranno gestirla. E, comunque, rimane il nodo da sciogliere sulle risorse con cui finanziare la misura di sostegno”.

A parlare è il governatore che subito passa ad analizzare anche l’altra questione: quella relativa  alla nuova figura del navigator.

“Per quello che ci è dato sapere, dovrebbero essere  seimila le unità assunte dall’Anpal in questo ruolo attraverso apposite selezioni, figure lavorative che saranno poi distribuite e collocate su tutto il territorio nazionale” ha detto il presidente in conferenza delle regioni.

Le perplessità avanzate dalle Regioni sono riconducibili alla necessità di capire bene quali siano le funzioni dei navigator e se sia possibile compartecipare a questa fase di avvio, al fine di dare continuità a quei  progetti che sono stati  avviati in diverse regioni d’Italia.

“In Molise, ad esempio – ha spiegato il presidente –  operano già degli orientatori che stanno portando avanti un progetto per i Centri per l’impiego e la nostra Agenzia Molise Lavoro.  Sarebbe opportuno, pertanto, condividere con il Governo centrale tale iniziativa, anzi far partecipare alle selezioni anche i nostri orientatori”.