Rapina con coltello al bar e sala slot. “Aveva il passamontagna, non ha parlato, sapeva dove erano i soldi” foto

Intorno alle 7 del mattino di oggi, domenica 20 gennaio, un ragazzo armato di coltello e col volto nascosto da un passamontagna ha messo a segno il colpo nel bar di via De Gasperi a Termoli: 2mila euro il bottino. Sul posto gli uomini del Commissariato di Polizia che hanno avviato le indagini. Non si esclude possa essere un cliente abituale che sapeva dove e come colpire.

E’ entrato con il volto coperto, poi ho visto il coltello”. E’ visibilmente sotto shock la barista del locale di via De Gasperi di Termoli. La rapina di questa mattina, in quella che sembrava una tranquilla ma fredda domenica di gennaio, ha sconvolto le quotidiane attività del bar.

Tutto è avvenuto intorno alle 7, il bar era vuoto. Lei si stava preparando ad accogliere i clienti per fare colazione, aveva acceso la macchina del caffè, sistemato i cornetti caldi e fragranti nella vetrina del bancone. Poi nell’attività commerciale è entrato un ragazzo “con il passamontagna sulla testa”. Forse la giovane commessa ha intuito quello che stava per succedere. “Mi sono agitata perchè avevo capito che aveva in mente qualcosa – ha raccontato successivamente – gli sono andata incontro pensando di fermarlo. E’ stato in quel momento che ha estratto un coltello”.

bar-europa-termoli-143516

Lei, impaurita, vedendo l’arma puntata davanti agli occhi, si è fatta da parte per cercare un rifugio ed evitare che l’uomo potesse ritorcersi contro chi si sarebbe opposto al suo disegno criminale: rubare i soldi delle macchinette. L’uomo, “un ragazzo alto, con pantaloni bianchi, giacca verde e passamontagna grigio scuro”, è andato diretto verso il cassetto e in pochissimi secondi ha arraffato il bottino: circa 2mila euro. “Non ha detto una parola e poi è andato via”. Si è dileguato tra le strade di Termoli probabilmente senza dare nell’occhio.

Un colpo rapidissimo, si potrebbe definire ‘sicuro’: il giovane sapeva come muoversi, dove andare, dove era nascosto il bottino, ossia il cassetto con i contanti delle slot machine. Si è mosso velocemente e con sicurezza. Insomma, non è da escludere che sia stato un cliente dell’attività che conosceva le abitudini dei proprietari, oltre che dei dipendenti. Sapeva forse che in quel momento avrebbe trovato all’interno del locale la giovane commessa e sarebbe stato facile ‘togliersela di torno’.

bar-europa-termoli-143515

Immediatamente sono stati allertati gli uomini del Commissariato di via Cina intervenuti sul posto per gli accertamenti, per ascoltare la dipendente e raccogliere le informazioni utili a far scattare le indagini. La Polizia sta vagliando le immagini delle videocamere per risalire all’identità del ladro. E non esclude alcuna ipotesi. 

polizia