Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Pesca da ‘paura’: squalo smeriglio nelle reti al largo delle Tremiti. Il video su Facebook foto

Sui social postato un video che mostra la cattura di un esemplare di squalo, detto volgarmente vitello di mare. Una pesca non così rara, visto che questo grosso pesce vive anche nel Mediterraneo

Uno squalo catturato al largo delle isole Tremiti nella notte fra domenica 6 e lunedì 7 gennaio e ripreso in un video che adesso sta facendo il giro dei social. Si tratterebbe di un esemplare di squalo smeriglio, nome scientifico ‘Lamna Nasus’, volgarmente detto ‘vitello di mare’.

Squalo pescato

A catturarlo un peschereccio che naviga nelle acque della zona fra l’Abruzzo, il Molise e la Puglia. Nel video, girato da un uomo sulla barca, si vede bene l’esemplare scaricato sulla chiglia assieme a un bel carico di pesce. Lo squalo viene poi sollevato per la coda tra le esclamazioni di sorpresa ed eccitazione dei marinai, uno dei quali urla in dialetto “è la prima volta che mi capita”.

Squalo pescato

Tuttavia trovare uno squalo nelle reti da pesca dell’Adriatico non è evento così raro. Lo smeriglio in particolare è un pesce che preferisce mari freddi, ma che può vivere anche nel Mediterraneo, dove si nutre di calamari, merluzzi e sgombri. Il suo peso è sui 500 chili, più o meno quanto stimato a occhio dal pescatore che nel video afferma: “Peserà 5 o 6 quintali”.

Nel giugno 2017 ottenne grande visibilità un altro video che mostrava la cattura e poi il rilascio di un piccolo squalo su una imbarcazione da turismo non lontano dalla costa di Termoli. In quel caso i protagonisti erano due pescatori amatoriali con canna che cercavano tonni e si imbatterono nel pesce che incute forse più timore nelle persone, soprattutto per motivi cinematografici, grazie alla fortunata saga de ‘Lo Squalo’.

La carne dello smeriglio, come si può intuire dal nomignolo ‘vitello di mare’, è comunemente venduta in pescheria anche perché molto simile al pesce spada e talvolta in vendita a tranci. Quindi non deve sorprendere il fatto che i marinai non l’abbiano buttato in acqua dopo la cattura. Per loro infatti è stata una pescata eccezionale.