Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

La caldaia non funziona, bambini a scuola con le giacche: niente lezioni per due giorni

Un guasto all’impianto di riscaldamento della scuola secondaria “Magliano” di Larino ha portato il primo cittadino Pino Puchetti a disporre la sospensione delle lezioni mercoledì 9 e giovedì 10 gennaio

Niente scuola alla “Magliano” causa freddo. L’impianto di riscaldamento del plesso scolastico che ospita i circa 150 alunni della Secondaria di primo grado di via Vincenzo Cuozo non funziona a dovere e non scalda abbastanza dal giorno del rientro in classe dopo le vacanze natalizie.

Per questo nelle scorse ore il primo cittadino Pino Puchetti con ordinanza del giorno 8 gennaio 2019, ha disposto “la sospensione delle lezioni presso il plesso scolastico “A. Magliano” per i giorni 9 e 10 gennaio 2019, a causa del non funzionamento di una delle due caldaie”.

Un guasto non da poco e che si sarebbe verificato soltanto la mattina di lunedì. “Si specifica che il pomeriggio del 6 gennaio – si legge in un post Facebook del Comune -, il tecnico incaricato aveva acceso e constatato il buon funzionamento delle due caldaie. Il guasto si è verificato, dunque, durante la mattinata del giorno 7 gennaio. Con una sola caldaia funzionante, che ha reso la temperatura non idonea allo svolgimento delle lezioni, si è deciso di sospendere le stesse per i giorni utili alla risoluzione della rottura”.

Sentito al telefono, il primo cittadino ha fornito altri dettagli. “Il tecnico dell’assistenza è intervenuto già lunedì mattina ma ha constatato che non poteva riparare il guasto. Però la scuola non era al gelo, perché una delle caldaie funziona. I bambini stavano in classe con le giacche. Stamattina è intervenuto un tecnico specializzato che ha riscontrato la rottura di una ventola. Domani il guasto dovrebbe essere riparato, ma per precauzione abbiamo pensato di sospendere le lezioni per due giorni. Non era il caso di farlo già oggi perché i bambini erano già in classe e sarebbe stato un problema farli uscire prima“.