Differenziata, lunghe code al Palairino per i nuovi bidoni. Senza codice a barre i rifiuti non saranno ritirati foto

Gente in fila dal mattino al palasport di piazza del Papa per ritirare i mastelli con codice identificativo senza il quale a breve non si potrà gettare la spazzatura

Più informazioni su

Il primo giorno della nuova raccolta differenziata inizia con qualche busta lasciata qua e là da cittadini distratti e inconsapevoli del nuovo calendario unico. Ma soprattutto con lunghe file al Palairino per ritirare i bidoni o in alternativa i codici a barre da apporre a quelli vecchi. Solo così infatti, tra qualche giorno, si potrà gettare la spazzatura differenziata senza rischiare multe.

Dal 1 gennaio infatti la Rieco ha lanciato il calendario unico. Dopo la ‘pausa’ del Capodanno, giorno festivo in cui gli operatori ecologici della ditta pescarese non lavorano, da oggi al via la raccolta unica, uguale in tutte le zone della città. Si procede così: il lunedì si ritira l’organico, il martedì carta e cartone, il mercoledì organico e vetro, il giovedì il secco residuo, il venerdì plastica e metallo, il sabato organico.

Una delle novità è che i rifiuti di plastica andranno conferiti insieme a quelli di metallo nel mastello giallo. Il bidone giallo, che fino a oggi quasi nessuno aveva in città, viene distribuito da oggi al Palairino, dalle 9 alle 13 fino a esaurimento scorte. Inoltre sarà possibile sostituire i vecchi mastelli nel caso fossero rotti o in ogni caso ricevere i codici a barre da apporre ai bidoni vecchi. “Senza di quelli i rifiuti non verranno ritirati” fanno sapere dalla Rieco durante il ritiro dei mastelli al palazzetto di piazza del Papa. “Ma nei primi giorni ci sarà tolleranza, i cittadini stiano tranquilli”.

Bidoni Rieco palairino

Si tratta di codici identificativi da apporre sui propri mastelli così da consentire il controllo del corretto conferimento dei rifiuti oltre che la Green Card che serve per accedere all’Ecocentro di via Arti e Mestieri.

Stamattina primo giorno di ritiro e lunghe file all’interno del palazzetto, con decine di persone in attesa anche al freddo. “Non si può passare la giornata qui ad aspettare” le lamentele di molti utenti.

Lamentele riprese anche dal professor Angelo De Gregorio: “Luogo inadatto, spazio angusto sia per gli addetti che per gli utenti; disorganizzazione, doppia fila per registrarsi per il ritiro della green card e per ritirare i nuovi contenitori; scatole delle tessere ammucchiate in cui cercare quella dell’utente con inevitabile rimescolamento delle stesse (assistito alla caduta di una di esse con dispersione a terra di svariate decine di card), disguidi, lamentele, utenti in gran parte educatamente in fila, ma con gli inevitabili furbi, persone anziane al freddo ed a cui giustamente bisognava spiegare anche le nuove norme di utilizzo con conseguente dilatazione dei tempi. Unica nota positiva la gentilezza degli addetti che, non per propria colpa, costretti a lavorare all’aperto con un mezzo tavolino su cui si doveva fare tutto, si son presi reprimende e pure qualche quasi parolaccia. Per concludere, mettete pure in conto un’ora e mezza di fila“.

Qualcuno invece si è recato all’Eco sportello di via Martiri delle Foibe. Alcuni hanno avuto da ridire sugli orari di conferimento in centro, che inizia alle 21 e si interrompe alle 3, lasciando quindi i rifiuti in bella vista durante l’orario del passeggio serale.

“Sono possibili modifiche in futuro” assicurano dalla Rieco. “Per ora – assicura l’azienda – il ritiro non sta dando problemi, anche se qualcuno ha protestato chiedendo perché non erano stati ritirati i rifiuti, ma pensava si gettasse la carta”.

Bidoni Rieco palairino

Per informazioni e ritiro del calendario l’Eco sportello resta aperto tutti i giorni dalle 8 alle 14 e il martedì e giovedì anche dalle 15 alle 18.

Più informazioni su