Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Cus Molise, passaggio di cintura per il gruppo di karate

Più informazioni su

Un’ascesa costante frutto del grande lavoro di chi il karate lo ha nel sangue. Con il passaggio di cintura avvenuto al tramonto del 2018, per i giovani atleti del karate al Cus Molise, l’anno si è chiuso sotto i migliori auspici e il 2019 parte con rinnovato entusiasmo e grande voglia di continuare ad emergere. Il tutto grazie soprattutto alla qualità del lavoro svolto da Lisa Sandonnini, coordinatrice del settore, capace di inculcare nei suoi allievi prima di tutto la passione per questo sport. In entrambi i gruppi di lavoro, tutti gli atleti, dai più piccoli ai più grandi hanno superato in maniera brillante l’esame.

Il primo gruppo, quello dei più piccoli composto da Angelo Maria Capozio, Blanca De Cristofaro, Francesca Cioffi, Viola Gabriele, Riccardo Gabriele, Diana Testa, Carla D’Errico, Enrico D’Errico, Aurora Silvestri, Sara Santilli, Gabriel Zappone ha ottenuto il passaggio alla cintura bianco-gialla e gialla svolgendo gli esercizi base del karate e un percorso che prevede schemi motori di base. Le più grandi, invece, nello specifico Gloria Romano, Alice Maria Corsi, Ludovica Arbace, Ilaria Pasquale e Frida Matacchione che praticano questa disciplina da circa un anno e mezzo, hanno centrato il passaggio alla cintura verde con un vero e proprio combattimento svolgendo esercizi di gambe e di braccia in modo veloce e preciso.

“Il passaggio di cintura – ha spiegato Lisa Sandonnini – È l’occasione per verificare il lavoro svolto nel corso dell’anno ed è un momento di confronto importante anche per i ragazzi e le ragazze che praticano questa disciplina. Sono contenta perché ci è venuto a visionare l’esame ha riscontrato enormi progressi sia da parte dei piccoli che dei più grandi e questa cosa mi riempie di orgoglio. Adesso continueremo a lavorare per affrontare nella maniera migliore possibile il 2019, nel quale andremo ad affrontare anche delle gare per incrementare l’esperienza del gruppo. Sono sicura che tutti i piccoli atleti e le atlete più grandi potranno continuare a crescere e migliorare”.

Più informazioni su