Valorizzare cultura, storia e turismo: nasce l’associazione ‘TerraViva Molise’ foto

Il Molise. La terra, le produzioni autoctone, il paesaggio, l’ambiente, la cultura, la storia ed i prodotti come l’olio ed il tartufo. Tutto questo è l’identità di una regione unica che vuole raccontarsi al mondo. ‘TerraViva Molise’, associazione culturale di promozione turistica di nuova fondazione, nasce da una fortunata congiuntura, dal bisogno di due donne di raccontare il territorio, le sue peculiarità e le diversità che uniscono i vari paesi per dare voce ai comuni che compongono la seconda regione più piccola d’Italia.

TerraViva Molise

L’obiettivo è di creare sinergia tra le realtà cittadine per promuovere la regione, con l’idea portante di esportare i 136 comuni che costituiscono la nostra regione nel mondo; il tutto attraverso l’utilizzo dei social e la creazione di una rete di gemellaggi che proietti questo piccolo lembo di terra al di fuori dei suoi confini geografici.

Nata dall’idea delle termolesi Sonia Fasulo e Tea Mugnano, la priorità dell’associazione è di far conoscere la realtà molisana realizzando eventi, convegni, workshop, pacchetti turistici e coinvolgendo le scuole, le altre associazioni e gli enti territoriali ed extraterritoriali, intercettando i bandi europei. Il progetto è stato presentato questa mattina, venerdì 4 gennaio, presso la sala consiliare del Comune alla presenza del team di ‘TerraViva Molise’, del primo cittadino Angelo Sbrocca e dei consiglieri Francesco Rinaldi, Michele Marone e Michele Barile.

“Un’idea ambiziosa”, come definita da Fasulo, che nasce circa due mesi fa quando le due amiche hanno intercettato l’esigenza di un territorio ricco ma poco valorizzato in Italia ed all’estero: “Prima di valorizzarlo devi conoscerlo – continua Sonia Fasulo – Noi stesse mentre cercavamo informazioni sui vari comuni abbiamo conosciuto realtà sconosciute ai più. Cercheremo di portare le peculiarità molisane nel mondo”.

In cantiere ci sono già diverse idee che riguarderanno non solo le singole realtà molisane, ma anche alcuni eventi: “Uno fra tutti Molise porta d’Oriente che presenteremo a breve in Regione – ha dichiarato ancora Fasulo – Il nostro punto forte saranno i gemellaggi e creando uno ampio con l’inclusione dell’Albania e della Croazia riusciremo a creare un ponte verso il Mediterraneo”.

Si tratta di obiettivi che vedranno il coinvolgimento delle scuole “perché è da loro che parte il rilancio del paese – ha aggiunto Mugnano – Cercando di ridare lustro ed un’immagine più fresca non solo a Termoli ma all’intero Molise”. Tra le attività future sono previsti anche gli stage, ancora in fase embrionale, che permetteranno “agli studenti delle quinte di viaggiare e conoscere nuovi posti, riportando in patria quanto appreso fuori”, ha concluso Mugnano.

Entusiasti del progetto anche i consiglieri comunali ed il sindaco. Francesco Rinaldi, vice Presidente del comitato di gemellaggio Termoli-Pompano Beach, ha sottolineato l’importanza di attività culturali e di promozione del territorio: “Penso che sia una delle prime realtà con questi obiettivi – ha sottolineato il consigliere – Ben vengano associazioni del genere in grado di fornire un trampolino di lancio a tutta la Regione, dall’economia, alla cultura, al turismo”.

Il primo cittadino ha puntato l’attenzione su uno degli scopi perseguiti da ‘TerraViva Molise’, il gemellaggio: “La nostra intenzione è che il gemellaggio appena stilato con la città della Florida non resti sterile, ma cresca con il tempo, consolidandosi sempre più. Per questo progetti del genere saranno sempre ben visti dall’amministrazione comunale”. “Un’iniziativa lodevole – come l’ha definita Michele Marone – Che viene fuori dalla parte privata dopo aver interpretato lo spirito di programmazione degli enti locali, spinte sempre più verso progetti di promozione territoriale. Speriamo che iniziative del genere facciano bene al nostro Molise”.

Sono tanti i passi in avanti fatti dall’associazione “che ho avuto il piacere di seguire fin dalla fase embrionale”, ha aggiunto Barile, che ad oggi può contare su numerosi patrocini, sul supporto di tutti i molisani e su una rete ben costruita: sito internet costantemente aggiornato e pagine sui maggiori social (facebook, instagram, twitter) oltre ad un canale youtube dove Sonia e Tea condividono tradizioni, storia e cultura di quel lembo di terra, di origina sannita, tra Abruzzo e Puglia che si affaccia prepotentemente sull’Appennino e si tuffa nel mar Adriatico, divenuto famoso perché ‘Non esiste’: “Scardineremo questa idea e mostreremo a tutti che non solo esistiamo, ma siamo straordinari”, hanno concluso le due giovani.