Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Sorpresi a rubare auto di lusso, arrestati dopo un inseguimento tra Termoli e la Puglia

Hanno 65 e 29 anni i malviventi pugliesi arrestati dai militari dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Termoli. Avevano rubato una vettura di grossa cilindrata quando sono stati acciuffati dopo un inseguimento tra il Molise e il confine con la provincia di Foggia.

Un furto finito male per i ladri, entrambi pugliesi. Arrivavano per la precisione da San Severo, quando questa mattina, intorno alle 5, sono arrivati a Termoli per rubare vetture costose. Hanno ‘scelto’ accuratamente la loro preda: un’auto di grossa cilindrata parcheggiata per strada. Poi hanno spaccato con violenza il finestrino anteriore sinistro. In pochi secondi si sono messi alla guida e sono scappati in direzione Puglia.

I due malviventi non avevano fatto i conti con l’antifurto satellitare: tramite il dispositivo di sicurezza montato sulla lussuosa vettura due equipaggi dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Termoli, impegnati in attività di contrasto ai reati predatori, sono riusciti subito ad individuarli. Li hanno raggiunti. Poi è cominciato l’inseguimento sulle strade del basso Molise, nelle vie che collegano diversi comuni come Rotello fino ad arrivare ai confini con la Puglia.

Una ‘caccia al ladro’ senza sosta e ad alta tensione, che per fortuna non ha coinvolto altri automobilisti che in quelle ore, nonostante fosse mattina presto di un giorno prefestivo, erano in macchina per raggiungere ad esempio il posto di lavoro e percorrevano le stesse strade su cui i Carabinieri stavano inseguendo i malviventi pugliesi. A qualcuno, oltre a chiedersi cosa stesse succedendo e a provare una comprensibile preoccupazione, è sembrato di assistere alla scena di un film.

Carabinieri Termoli notte

Capendo che probabilmente non avrebbero avuto scampo e non sarebbero riusciti a seminare i Carabinieri senza smontare il gps dall’auto, i due sanseveresi hanno deciso di fermarsi. Il dispositivo consentiva agli stessi militari di intuire il percorso che stavano compiendo. Ed è proprio in quel momento che sono stati acciuffati. Il più giovane dei due pugliesi ha pure provato a scappare nelle campagne vicine, ma non è riuscito a farla franca: nonostante provasse a resistere, gli uomini dell’Arma alla fine sono riusciti a bloccarlo.

Hanno 65 e 29 anni i malviventi ‘in trasferta’ in Molise, “pendolari del crimine” come sono stati definiti dalla Compagnia di Termoli. I due pugliesi sono stati arrestati con le accuse di resistenza a pubblico ufficiale e rapina impropria. Sono stati portati nel carcere di Larino, a disposizione dell’autorità giudiziaria.

L’auto di lusso rubata a Termoli è stata dunque restituita al legittimo proprietario, che si era svegliato dopo che il sistema di allarme della vettura aveva suonato.

Inoltre i militari hanno sequestrato il veicolo di proprietà di uno dei due e utilizzato presumibilmente per arrivare a Termoli.