Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Perdita di carburante al distributore: si rischia un’esplosione. Notte fuori casa per 3 famiglie, domani la bonifica fotogallery

Infiltrazioni dai serbatoi e pericolo per i residenti: sul posto i vigili del fuoco che hanno sgomberato le abitazioni nelle vicinanze per ragioni di cautela. Un forte odore di benzina in tutta la zona, si ipotizza una nuova perdita dopo che la cisterna era stata già svuotata la vigilia di Natale. I tre nuclei familiari sgomberati trascorreranno la notte lontano dalle loro case, mentre domani ci sarà la bonifica dell'area. Le forze dell'ordine presidiano la zona per evitare episodi di sciacallaggio.

Una giornata di attesa e paura. Campodipietra è con il fiato sospeso dopo che questa mattina, 27 dicembre, è stato lanciato un nuovo allarme per una perdita di benzina da un serbatoio del distributore che si trova in via Leopoldo Montini. In pratica, la strada principale del paese. Sono a rischio le abitazioni che sorgono proprio di fronte alla pompa dove il pericoloso liquido si è diffuso penetrando, secondo i primi accertamenti, attraverso una vena di acqua in un pozzo posto internamente alla cantina di una delle palazzine.

campoodipietra-142331

La brutta sorpresa per i proprietari dell’abitazione questa mattina, tre giorni dopo il primo episodio. L’infiltrazione infatti aveva iniziato a creare i primi problemi la mattina del 24 dicembre, quando a Campodipietra erano già intervenuti i vigili del fuoco.

Quel giorno della vigilia di Natale la cisterna contenente il carburante era stata completamente svuotata. “Sembrava si fosse risolto tutto il 24, non sentivamo più l’odore della benzina”, le parole di un signore. Ma evidentemente l’operazione non è bastata e la benzina è riuscita ad infiltrarsi comunque. L’odore intenso del carburante è stato avvertito nettamente dai proprietari dell’abitazione che intorno alle 11 hanno chiamato il 115. 

Sul posto, oltre al sindaco Peppe Notartomaso e ai Carabinieri, i mezzi dei vigili del fuoco che, durante le operazioni, hanno transennato la zona e fatto evacuare sia l’abitazione interessata, quella in cui è presente il pozzo, che quelle vicine in quanto c’è un rischio esplosione.

“Abbiamo verificato la presenza di un’atmosfera potenzialmente esplosiva probabilmente dovuta ad una infiltrazione di carburanti proveniente forse dalla pompa di benzina”, ha dichiarato a Primonumero l’ingegnere Petrone. “Abbiamo circoscritto l’area e creato una zona di protezione. Poi abbiamo adottato le misure per rendere sicura l’area” e infine “abbiamo preferito evacuare le persone in attesa di effettuare le verifiche del caso”.

La zona deve essere bonificata. E potrà farlo solo una ditta specializzata di Sulmona, contattata dalla Total Erg, ditta proprietaria della pompa di benzina gestita da due persone del posto. Gli operai arriveranno solo domani, 28 dicembre.

Per questo sono stati evacuati gli stabili che si trovano di fronte alla pompa di benzina e abitati da tre famiglie. Trascorreranno la notte fuori dalla loro casa. Due famiglie hanno trovato ospitalità da parenti, un’altra andrà a dormire in albergo.

Nel frattempo il paese è spaccato in due e le auto costrette a percorsi alternativi non potendo percorrere via Leopoldo Montini. Le operazioni di soccorso hanno richiamato l’attenzione del vicinato e qualche abitante del paese, curioso, ha osservato i vigili del fuoco in azione dalla finestra o seduto sulla sedia davanti al portone di casa. “Povera gente, speriamo non succeda niente”, il commento di qualcuno.

In paese, dunque, si respira un’aria di attesa e paura. Gli occhi dei cittadini sono rivolti verso il distributore e gli immobili a rischio, mentre il pensiero è già per i proprietari delle palazzine che intorno alle 14 hanno dovuto riempire i borsoni e portare via i beni di prima necessità.

In serata l’ordinanza con cui il primo cittadino, dopo aver ricevuto la relazione dei vigili del fuoco, ha disposto lo sgombero delle palazzine interessate e ordinato la chiusura del distributore di benzina che dovrà essere messo in sicurezza entro 24 ore. Sarà una lunga notte per Campodipietra: l’area transennata questa mattina dai pompieri sarà presidiata dalle forze di polizia per evitare episodi di sciacallaggio nelle abitazioni evacuate.