La Città Invisibile e la Caritas insieme per una cena solidale: appuntamento in piazza Bega

Una cena solidale in favore degli ‘invisibili’ della città e per portare in piazza, nel generale sfavillio natalizio, un messaggio diverso.

Giovedì 20 dicembre dalle ore 18 alle 22 in piazza Bega ci sarà una cena solidale voluta da ‘La Città invisibile’ insieme alla Caritas diocesana di Termoli-Larino e ad alcune attività commerciali della zona (pizzeria da Silvio, salumeria da Cinzia e Caffè Casolino). L’iniziativa rientra all’interno dei percorsi di solidarietà che gli operatori volontari de ‘La Città Invisibile’ cercano di portare ogni giorno avanti con costanza e determinazione.

“Da qualche mese, infatti, da quando cioè siamo entrati nel nostro centro diurno di Piazza Olimpia, abbiamo svolto con più energia del solito un lavoro quotidiano e incessante per stare affianco ai senza tetto e agli altri invisibili della nostra cittadina: colazioni tutte le mattine, incontri e assemblee con migranti, nelle parrocchie, nelle scuole, negli spazi autogestiti, persino in università. Lo sportello immigrazione – proseguono i volontari – per gli esclusi dall’accoglienza e il sostegno alle vittime di tratta, i pasti in stazione tre volte alla settimana, la raccolta cibo e vestiario per sostenere chi passa la notte al gelo, il lavoro di advocacy presso le istituzioni e la partecipazione alle iniziative di piazza contro il clima di odio e di razzismo che si respira in Italia, la costruzione di reti solidali con altri soggetti del territorio sono alcune altre attività che ci hanno impegnato in questi mesi”.

Per loro, dire ‘prima gli italiani’ è uno slogan vuoto, e che va a sfociare in una guerra tra poveri, contro cui questi operatori si battono. “La solidarietà prescinde dall’orientamento sessuale, dalla religione, dalla provenienza. A riprova di ciò, possiamo testimoniare che tante persone che si rivolgono ai nostri servizi sono italiani, e alcuni di loro proprio molisani e termolesi. Nonostante il clima di intolleranza che ogni giorno respiriamo, tuttavia, noi non ci fermiamo. Nonostante il finanziamento che ci ha permesso di restare in vita in questi mesi, comunque suffragato da tantissimo lavoro dei volontari e degli attivisti sociali, finisca con l’arrivo del 2019, noi abbiamo intenzione di andare avanti”.

Troveranno il modo per farlo – dichiarano – e non spaventa affatto loro il dover dedicare ancora tante ore del loro tempo al lavoro di cura, alle pratiche di solidarietà, al garantire i diritti negati. È una questione di giustizia sociale. “Negli ultimi mesi ci ha colpito positivamente la grande disponibilità e attenzione che tante e tanti nostri concittadini hanno dimostrato nei confronti del nostro lavoro e delle persone che cerchiamo di aiutare”.

L’iniziativa di giovedì 20 dicembre sarà un’ulteriore occasione per stare insieme all’insegna della convivialità e della solidarietà: si potranno acquistare prodotti natalizi alla Salumeria da Cinzia e al Caffè Casolino e ci si potrà fermare a mangiare una buona pizza di Silvio a prezzi ridotti; sarà nel contempo un momento per informarsi sulle attività svolte quotidianamente a sostegno delle persone in difficoltà e per fare una piccola donazione. Una parte del ricavato della serata andrà a sostenere le attività in favore degli invisibili della città.

L’appuntamento è alle ore 18, e il banchetto sarà in piazza Bega fino alle 22. Il link dell’evento su Facebook.