Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

È ufficiale: 6 mesi di cassa integrazione alla Gam, c’è il decreto del Ministero

Ammortizzatori garantiti dal 5 novembre al 4 maggio 2019: c'è il decreto del Ministero del Lavoro per 259 ex dipendenti.

Il bicchiere è mezzo pieno. Per ora gli ex operai della Gam dovranno accontentarsi di 6 mesi di cassa integrazione: dal 5 novembre al 4 maggio 2019. Un risultato che gli ex dipendenti e le loro famiglie auspicavano, almeno per trascorrere un Natale più sereno.

Questa mattina – 13 dicembre – la bella notizia: c’è finalmente il decreto del Ministero del Lavoro per 259 lavoratori dell’azienda cuore della filiera avicola molisana.

Lo annuncia l’assessore al Lavoro Luigi Mazzuto che esprime “enorme soddisfazione e compiacimento per il risultato ottenuto presso il Ministero del Lavoro.” E aggiunge: “Il lavoro che mi ha visto impegnato sin dal primo giorno del mio insediamento come assessore al Lavoro nel fronteggiare la crisi Gam ha finalmente prodotto i risultati attesi: con il decreto numero 36/2018 otteniamo infatti il rinnovo della cassa integrazione per 259 famiglie per il periodo che va dal 5 novembre 2018 al 4 maggio 2019″.

La lieta notizia “ci offre la possibilità di affrontare il percorso Gam in un’ottica tutta positiva perché ci apre orizzonti di speranza e di ottimismo, in una visione di piena collaborazione con le Istituzioni e il Ministero”. E conclude: “Sono sicuro che il lavoro intrapreso assieme al presidente Toma ci darà l’opportunità di intervenire concretamente, non solo nelle vicende che interessano la Gam, ma anche in tutte quelle altre situazioni lavorative complesse o in difficoltà che interessano la nostra regione e che hanno bisogno di risposte concrete”.

Per questi sette mesi, in attesa che l’azienda di Monteverde acquisita dalla Società Avicola Vincentina riprenda a lavorare a pieno ritmo (a gennaio riaprirà solo l’incubatoio dove sono stati assunti part time una trentina di operai), gli ex lavoratori saranno un po’ più sereni. Anche se c’è preoccupazione per la seconda parte del 2019: per garantire gli ammortizzatori sociali da maggio a dicembre 2019 sarà necessario reperire nuove risorse.