Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Dopo il tappeto ecco l’albero di Natale ad uncinetto. È alto sei metri e largo tre

Un centinaio di donne capitanate da Lucia Santorelli hanno prodotto, a partire dalla fine settembre, 1300 piastrelle per rivestire lo splendido abete esposto in piazza. Questa sera la cerimonia ufficiale di accensione delle luci e banchetto con i tipici sfringioni, vin brulé e cioccolata calda

A luglio scorso fu la volta del tappeto ad uncinetto più lungo del mondo, al quale con la signora Lucia Santorelli contribuirono le mani laboriose di tante sue concittadine che diventarono 800 grazie al passa parola capace di arrivare fin’oltre oceano.

E furono quindi realizzate 600 piastrelle di un metro per uno e il tappeto messo in vendita per sostenere con il ricavato, l’associazione “Famiglie Sma” che lotta contro l’atrofia muscolare spinale, terribile malattia genetica che colpisce i bambini.

Con l’aiuto della Pro Loco e della comunità, la città di Trivento espose la bellissima opera lungo la scalinata di San Nicola e le foto fecero il giro del mondo.

E adesso ci risiamo. Non il tappeto questa volta, ma un abete completamente realizzato con le piastrelle ad un uncinetto: per l’esattezza 1300 piastrelle per un albero alto sei metri e una circonferenza di oltre tre metri.

Per l’occasione, al bellissimo albero hanno lavorato un centinaio di donne capitanate dalla dinamica Lucia Santorelli, ma il risultato (che potete ammirare nelle foto a corredo) è come sempre straordinario e suggestivo.

Abbiamo iniziato a lavorare verso la fine di settembre – racconta la signora Lucia – Ci siamo date da fare per arrivare puntuali al giorno dell’Immacolata e inaugurare questa nuova opera che speriamo porti, come è stato con l’evento estivo,  aiuto e sostegno a coloro che ne hanno più bisogno”.

Sì, perché anche le piastrelle ad uncinetto che compongono l’albero di Natale di Trivento saranno successivamente messe in vendita e il ricavato servirà ad aiutare un’associazione (ancora da individuare) capace di aiutare chi soffre.

“Oppure abbiamo immaginato di realizzare anche un fondo cassa perché stiamo già pensando all’evento della prossima estate – continua Lucia – quello che abbiamo in mente è qualcosa di meraviglioso ma non voglio svelare altri particolari, un po’ per scaramanzia un po’ perché altrimenti che sorpresa è?”.

Lucia svela soltanto che adattando le parti del tappeto di luglio ancora invendute, con quelle che eventualmente avanzeranno dell’albero di Natale realizzeranno un’opera d’arte destinata a fare  il giro del mondo. La sua speranza è che all’evento targato 2019 aderiscano “anche gli altri paesi del Molise perché il mio sogno è fare un’esposizione dei manufatti caratteristici della nostra terra”.

Intanto questa sera, l’albero ad uncinetto sarà illuminato con tanto di cerimonia ufficiale; grazie, anche questa volta, al sostegno della Pro Loco e dell’amministrazione.

Una festa che porterà in tavola i famosi “sfringioni” triventini con vin brulé e cioccolata calda…