Dominio Hidro Sport, ancora un tempo limite per i campionati italiani

Più informazioni su

Straordinaria affermazione di squadra per la Hidro Sport che totalizza ben 18473 punti e stravince la fase regionale della Coppa Caduti di Brema. Scenario di questa nuova impresa la piscina di San Salvo, dove i giallo-blu hanno dominato sia il settore maschile che quello femminile con punteggi che proiettano la squadra in posizione ragguardevole in ambito nazionale.

Dodici gli atleti impegnati nelle gare individuali tra i quali spicca, senza dubbio, il nuovo tempo limite per i campionati italiani ottenuto da Emanuele Perlino nei 200 SL con 1’54”65, che migliora di quasi 2 secondi il suo precedente primato, al quale aggiunge anche un ottimo 52”82 nei 100 SL ed un 51”85 nuotato in frazione di staffetta.

Al suo fianco nel settore maschile ancora ottime prestazioni per Marco Gallesi autore di 24”17 nei 50 SL e di 57”93 nei 100 farfalla, entrambi record personali; Francesco Gatti ha primeggiato nella disciplina del Dorso, aggiudicandosi sia i 100 in 58”02 (57”61 poi in frazione di staffetta) sia i 200 vinti in 2’09”15; Patrick Comodo, impegnato in ben 4 gare individuali, ha ottenuto ottime performances nei 400 SL (4’11”13), nei 1500 SL (16’54”49), nei 200 misti (2’14”95) e nei 400 misti (4’54”66); Francesco Di Modica è stato invece l’atleta schierato nella rana in cui ha realizzato 1’06”41 e 2’29”09 nella sua accoppiata 100-200.

Giuseppe Borrelli ha stabilito il suo nuovo primato nei 200 farfalla nuotati in 2’15”24 ed infine Christian Tedeschi ha dato il suo contributo ad un’ottima staffetta 4×100 SL percorsa a ritmi di primato assoluto in 3’31”36, con Gallesi-Tedeschi-Gatti-Perlino. L’ultimo suggello ad una prestazione di squadra esaltante è giunto dalla 4×100 mista: il quartetto Gatti-Di Modica-Gallesi-Perlino con 3’53”76 ha inflitto distacchi pesanti a tutte le altre squadre concorrenti e fissato il punteggio finale di settore a 9258 punti, davanti alla Maiella Nuoto staccata di oltre 200 punti (9009).

Dal settore femminile è giunta l’emozione di un successo di squadra che alla vigilia pareva azzardato pronosticare, ma le 6 ragazze impegnate nelle 15 discipline hanno viaggiato a ritmi insostenibili per le rivali, collezionando primati personali a ripetizione. La più impegnata è stata Federica Caruso che ha vinto 3 delle 4 gare in cui è scesa in acqua, tra cui i 100 Rana (1’12”37) dove ha sfiorato di soli 9 centesimi il tempo limite richiesto per la qualificazione ai campionati italiani; 100 SL (59”92) e 200 Rana (2’39”63) le sue altre vittorie alle quali si aggiunge l’ottimo 50 SL concluso in 27”47.

Insieme a lei sono scese in acqua: Alisia D’agnone che, pur stanca dalla competizione dei 3000 metri disputata il giorno precedente nella quale ha ottenuto il tempo limite richiesto per gli “italiani”, ha ben figurato nei 200 SL (2’13”82), 400 SL (4’36”83) e negli 800 SL (9’39”02); Annalaura Mariano che ha ottenuto i suoi nuovi primati personali nei 200 misti (2’28”24) e nei 400 misti (5’13”55); Fiorella Colanzi nel delfino ha ottenuto 1’06”85 nei 100 e 2’28”86 nei 200; Benedetta Sangregorio impegnata nei 100 dorso nuotati in 1’07”49 e Michela Storto nei 200 percorsi in 2’25”95 hanno completato le gare individuali.

Dalle staffette di settore sono poi arrivati gli ultimi punti necessari ad aggiudicarsi la vittoria finale (bottino di 9215 punti!), con la 4×100 SL (D’agnone-Sangregorio-Colanzi-Caruso) che si è ben difesa in una disciplina poco favorevole e con la 4×100 mista (Sangregorio-Caruso-Colanzi-D’agnone) che ha fatto la voce grossa dominando la gara con oltre 3 secondi di vantaggio sulle avversarie più vicine.

Decisamente soddisfatto lo staff della Hidro Sport al termine della competizione: “ Sapevamo di avere una squadra competitiva – ha dichiarato il Presidente e tecnico Tony Oriente – Ma i ragazzi sono riusciti ad andare anche oltre le aspettative, dimostrando grande impegno e spirito di squadra che li ha spinti a sfoderare prestazioni eccellenti in entrambi i settori. Gli oltre 1000 punti di vantaggio sulla più vicina delle squadre inseguitrici nella classifica generale danno la dimensione esatta del valore di queste performances, chiudiamo questo 2018 con una soddisfazione immensa ”.

Più informazioni su