Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Dal terremoto di agosto alla lotta antincendio, i vigili del fuoco: “Sempre vicini a chi ha bisogno”

I festeggiamenti per la patrona santa Barbara sono come sempre l’occasione per i vigili del fuoco di stilare un bilancio delle attività svolte durante l’anno. Quest’anno il resoconto è stato fornito dal vice comandante provinciale di Campobasso, l’ingegnere Antonio Giangiobbe, promosso a primo dirigente del Comando stesso.

È stato un anno impegnativo per gli uomini del 115, particolarmente impegnati dopo lo sciame sismico del 14 e del 16 agosto. “Per circa un mese, giorno e notte – ha ricordato Giangiobbe – tutto il personale del Comando e della Direzione regionale del Molise, oltre che dei Comandi limitrofi è stato convogliato verso l’epicentro del sisma per assistere le popolazioni colpite attraverso attività di recupero beni, messa in sicurezza di edifici a rischio, sopralluoghi per accertare danni e verificare l’agibilità degli edifici”. Complessivamente sono state 1500 le verifiche che hanno riguardato edifici pubblici, di culto e privati.

Importante anche l’azione di salvaguardia dei nostri boschi nella lotta antincendio: circa 300 gli interventi tra luglio e agosto. Altrettanto importante anche il presidio presente sulla costa molisana composto da soccorritori acquatici, automezzi e attrezzature, grazie alla convenzione stipulata tra il Comando, la Regione Molise e i 4 comuni rivieraschi.

L’ingegnere Giangiobbe ha anche ricordato l’attività di polizia giudiziaria, durante la quale è stata aumentata l’attività svolta per conto delle procure di Campobasso e Larino sia nell’ambito del soccorso che in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro, oltre che i sopralluoghi svolti dopo segnalazioni arrivate al Comando provinciale da parte dei cittadini. Una ventina le sanzioni.

I pompieri hanno confermato durante la ricorrenza di Santa Barbara il loro impegno per “aiutare i cittadini nei momenti più difficili, operare al fianco dei più deboli e di chi ha bisogno di aiuto”, senza dimenticare l’importante funzione di soccorso e assistenza alle popolazioni nell’ambito del sistema di Protezione Civile nazionale.

Infine quest’anno i festeggiamenti della patrona sono stati svolti nel ricordo del l’ingegnere Giovanni Strazzullo, venuto a mancare prematuramente quest’anno.