Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Auto ad alta velocità in viale Manzoni, Coalizione civica: “Servono dossi e autovelox”

Dossi e autovelox per dissuadere gli automobilisti a ‘sfrecciare’ in viale Manzoni come se fosse una pista di Formula Uno. E’ la proposta dei consiglieri comunali della Coalizione civica Marialaura Cancellario e Francesco Pilone e l’esponente della Lega Alberto Tramontano che hanno depositato un’apposita mozione inserita all’interno del consiglio comunale in riunione oggi, 21 dicembre.

Un atto che raccoglie le proteste dei residenti di Vazzieri, preoccupati dei pericoli che corrono ogni volta che devono attraversare la strada: le vetture sfrecciano ad alta velocità incuranti dei limiti di velocità. E non è raro vedere l’ambulanza arrivare in viale Manzoni proprio per soccorrere qualche pedone investito. Uno dei questi casi ha avuto un esito drammatico  il 22 luglio 2016, quando un uomo di 77 anni fu travolto e ucciso da un’automobile in corsa mentre passeggiava a piedi lungo viale Manzoni, a qualche decina di metri dall’incrocio semaforico nei pressi di Nuova Comunità di Ferrazzano e delle villette del complesso residenziale La Mimosa.

Le preoccupazioni dei residenti di Vazzieri sono state raccolte di recente anche da Primonumero che ha pubblicato la lettera del signor Fabrizio: “L’intervento sul rettilineo del viale, dove sono ubicate numerose abitazioni private e ove è forte il via vai, a piedi, di numerosi ragazzi-studenti provenienti dai vicini istituti scolastici, si ritiene urgentemente necessario, poiché è molto spesso percorso dagli automobilisti a velocità sostenuta con grave pericolo per l’utenza”, uno dei passaggi della missiva.

Campobasso Coalizione civica

La mozione di Cancellario, Pilone e Tramontano servirà proprio per impegnare l’amministrazione Battista a intervenire provvedendo “a installare dossi o strumenti di controllo elettronico per disincentivare la percorrenza ad alta velocità e imporre il rispetto dei limiti per garantire la sicurezza dei pedoni e degli automobilisti”.