Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

100 posti letto per gli anziani tra residenze sanitarie e alloggi protetti. Ma apriranno fra mesi

Aggiudicato il bando per il completamento e la gestione della rsa di via Garibaldi e per gli alloggi protetti di via Marche: l'edificio al centro della città entrerà in funzione fra 8 mesi, quello del quartiere San Giovanni fra 3. "Inoltre ci sarà possibilità di lavoro per 40 operatori", sottolineano il sindaco Battista e l'assessora Salvatore.

In un Molise che invecchia sempre di più avere un capoluogo attrezzato dal punto di vista delle strutture per gli anziani è sicuramente positivo. Non solo per i diretti interessati, ma anche per le loro famiglie. Lo è un po’ meno sapere che la residenza sanitaria di via Garibaldi e gli alloggi protetti di via Marche saranno a disposizione dell’utenza non prima di qualche mese.

Mino Dentizzi e Sergio Di Vico, Assunta Testa, Alessandra Salvatore

Ne occorrono sette-otto per poter completare l’edificio che si trova al centro della città. Un po’ meno – tre mesi – per lo stabile che si trova nel quartiere San Giovanni. In totale, a disposizione ci sono cento posti letto (60 in via Garibaldi e 40 in via Marche) per gli anziani e che si aggiungono alla casa di riposo che a Campobasso già è in piena attività.

Due giorni dopo l’aggiudicazione dell’appalto per il completamento e la gestione della residenza sanitaria assistita di via Garibaldi e gli alloggi protetti di via Marche il sindaco Antonio Battista e l’assessora alle Politiche sociali Alessandra Salvatore convocano la stampa in Municipio per annunciare: “Chiudiamo il cerchio dei servizi alla persona”. Oltre ai giornalisti, alla conferenza partecipano i dottori Mino Dentizzi e Sergio di Vico, oltre all’avvocato Assunta Testa, componente del cda della ‘don Carlo Pistilli’, sulla cui presidenza si è scatenato un putiferio dopo le dimissioni al veleno di Angelo Cristofaro e la designazione di Emilio Paolone.

Quando entrerà in funzione, la residenza di via Garibaldi (inserita all’interno del sistema sanitario regionale e nella quale sono stati accreditati 40 posti di rsa, 20 per residenza protetta) sarà accessibile alle persone che hanno più di 65 anni non autosufficienti e offrirà una serie di servizi, come il centro sociale anziani. “Sarà un punto di riferimento per tutta la città, nel cuore della città”, sottolinea l’assessora del Pd.

Che sottolinea i benefici della struttura di via Garibaldi: “Si rivolge soprattutto agli anziani non autosufficienti, ma potrebbero esserci esigenze di altra natura (ovviamente di ricovero). La rsa inoltre eviterà alle famiglie di rivolgersi in altri posti del Molise o addirittura fuori regione”.

Per accedervi sarà necessario possedere determinati requisiti (a cominciare dal reddito) che saranno valutati da una commissione sulla base del regolamento regionale.

Tipologia diversa quella di via Marche: “Gli alloggi protetti ospiteranno over 65 autonomi, autosufficienti. Ma gli anziani potranno socializzare, condividere la struttura con altre persone”. In pratica, appartamenti singoli con ambienti comuni.

Sindaco e assessora mettono in evidenza pure le ricadute dal punto di vista occupazionale: oltre a fornire un servizio agli anziani della città, “sarà possibile dare lavoro a circa 40 persone tra rsa e alloggi protetti di via Marche”.

“Completiamo un percorso iniziato 20 anni fa – aggiunge Antonio Battista – e che si aggiunge alla costruzione di tre nuove scuole e al completamento della Tangenziale nord”.