Uffici chiusi per carenze igieniche, il giudice di pace ‘trasloca’ in Provincia

C’è una soluzione dopo l’improvvisa chiusura degli uffici del giudice di pace di Isernia. La settimana scorsa i locali di via Borgo Nuovo, già interessati in passato da infiltrazioni d’acqua e dalla presenza di topi, oltre ad essere a rischio sismico, sono stati dichiarati inagibili per via di carenze igienico-sanitarie rilevate dalla Asrem. Lo scorso 14 novembre l’ordinanza di chiusura disposto dal sindaco Giacomo D’Apollonio.

Scartata l’ipotesi di trasferimento nei locali della Motorizzazione civile, è stata la Provincia di Isernia a rispondere alla richiesta di aiuto del giudice di pace. Il capo dell’ente Lorenzo Coia ha messo a disposizione del presidente del Tribunale di Isernia Vincenzo Di Giacomo l’uso della sala consiliare con la sala di attesa annessa e altre due stanze al primo piano nel palazzo di via Berta. Non ci sarà alcun affitto da pagare in quanto i locali saranno concessi in maniera gratuita fino alla definitiva sistemazione in un’altra sede dell’ufficio del giudice di pace.