Tre imprenditrici molisane si aggiudicano il percorso ‘Circuiti civici’ che promuove le start-up foto

Si chiama ‘Circuiti Civici’ ed è un progetto che crea valore e promuove la nascita delle start-up, le nuove imprese, rivolto a giovani imprenditori e condiviso a livello interdiocesano. I giovani imprenditori, grazie all’accompagnamento da parte dei progetti Policoro, Milenst e Ares 2.0, hanno avuto la possibilità di presentare le loro dodici idee progettuali.

Idee sottoposte ad una giuria attenta, composta da persone altamente qualificate nel campo societario quali manager, imprenditori ed esperti di fundraising deputati alla comunicazione ed al marketing sociale ed alla raccolta fondi.

Il percorso, durato dieci settimane, ha permesso di far prendere vita e forma alle start-up, nate dalle nuove idee e messe nere su bianco con la realizzazione di un business model Canvas – un modello che permette di rappresentare visivamente il modo in cui l’azienda si interfaccia con la sua clientela attraverso l’utilizzo di schemi innovativi – e di un pitch per la presentazione delle proposte innovative, ovvero uno strumento utile alla promozione di un progetto attraverso l’uso di informazioni chiave.

Un percorso che ha visto nella diocesi di Termoli-Larino giovani aspiranti imprenditrici selezionate: Giacinta Gasdia, Luisa Turdò e Ilaria Sparvieri. Un esempio dei progetti presentati si intitola ‘Touch you – Communicative Underwear’ e nasce “per rispondere al bisogno di valori e di equilibrio tra il contatto virtuale e quello reale oggi è un valore condiviso da molti Millennials (nati da 1980-2000) e non solo – spiega Ilaria Sparvieri –   È un progetto d’impresa innovativa dedicato al mondo della pigiameria  che mette al primo posto la felicità dell’essere umano e comunica il valore del contatto fisico anche sul prodotto. Come? Eh, lo scoprirete presto. Ma Touch You è anche di più: il pigiama sarà personalizzabile con messaggi di testo personali, link a video o canzoni per un idea regalo utile ma soprattutto unica e irripetibile”.

“In queste settimane le aspiranti imprenditrici hanno continuato ad approfondire le loro imprese con un percorso – sottolinea Giacinta Gasdia- Che è nato quasi per caso ma che si è rivelato molto interessante facendo conoscere un mondo che prima era sconosciuto, quello delle start Up. Sono stata accompagnata passo passo in un percorso di crescita personale e professionale che spero mi aiuti a rendere realizzabile la mia idea di impresa fortemente radicata nel territorio molisano”.