Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Rio Vivo nella morsa del maltempo: alberi sradicati e canali pieni foto

Non solo alberi sradicati dal forte vento che soffia sulla costa da ormai 24 ore: a far paura sono i canali di Rio Vivo che hanno raggiunto un livello di allerta che ha messo in agitazione i residenti.

La pioggia ed il maltempo che imperversano sulla costa da più di 24 ore hanno provocato non pochi danni, soprattutto nella zona periferica di Rio Vivo. La scorsa notte il forte vento di scirocco, unito alle precipitazioni copiose, ha sradicato un albero di mimose, sito su un terreno privato, facendolo cadere rovinosamente a terra: la pianta ha terminato la sua discesa sul contatore della corrente che, per fortuna, non è rimasto danneggiato in seguito al violento urto, evitando l’insorgere di un tragico incendio.

Numerosi danni anche in un’altra abitazione, sempre a Rio Vivo, dove le forti raffiche di vento hanno divelto parte della copertura di un gazebo in legno, rovesciato vasi, attrezzi per il giardinaggio e perfino una carriola e distrutto alcune piantine.

Anche se la pioggia non è caduta a ritmo continuo, lasciando scampoli di sereno, la zona periferica continua ad essere flagellata dal maltempo: in queste ore il vento forte che spira sulla costa ha messo in allarme i residenti. Nessun rischio tuttavia per i canali dopo il nubifragio che ha colpito la cittadina adriatica durante la notte.

Le correnti di aria fredda creano un forte flusso di mareggiate e l’acqua del mare si incanala all’interno dei condotti di Rio Vivo alzando il livello dell’acqua. Una situazione che si ripresenta ad ogni nubifragio e che evidenzia, ancora una volta, la problematica legata ai canali, anche se pare scongiurato il rischio che la situazione peggiori dopo gli interventi del Consorzio di bonifica.

Nelle scorse ore la Capitaneria di Porto di Termoli ha diramato un avviso di burrasca e sono stati interrotti i collegamenti con le Isole Tremiti. A causa del maltempo e del mare grosso, anche i pescherecci hanno il divieto di uscire causando un ulteriore stop alle battute di pesca settimanali.