Litiga con un cliente del supermercato e lo picchia, poi aggredisce i Carabinieri: arrestato

Un giovane immigrato bloccato mentre tentava la fuga dopo aver aggredito una persona e i militari. Testimoni raccontano di averlo visto scappare a petto nudo prima di essere acciuffato

Stava scappando dopo aver picchiato un cliente di un supermercato del centro ma è stato bloccato e portato in caserma dai carabinieri, nonostante un tentativo di aggressione anche nei confronti dei militari. Il protagonista è un giovane straniero di colore, fermato attorno alle 18 di oggi pomeriggio, sabato 3 novembre, dai militari dell’Arma al termine di un breve inseguimento in via Madonna delle Grazie, non lontano dal semaforo di piazza del Papa, a Termoli. Il ragazzo è stato poi arrestato.

La vicenda che ha creato non poco trambusto sulla strada che da via Martiri della Resistenza porta verso il quartiere Airino. Ma il fatto è scaturito a qualche centinaio di metri di distanza, davanti al Discount di viale Trieste. Lì il ragazzo, un nigeriano regolare sul territorio italiano, ha avuto un alterco con un cliente e non con una guardia giurata, come riferito da alcuni testimoni nei minuti successivi il fermo, colpendolo con dei pugni.

Il giovane straniero, visibilmente ubriaco, ha poi tentato la fuga. Allertati dai presenti, i carabinieri hanno fatto scattare un inseguimento che da viale Trieste si è protratto fino a via Madonna delle Grazie.

Tuttavia c’è voluto poco ai carabinieri per acciuffarlo. Il giovane ha provato a reagire al fermo, aggredendo gli uomini in divisa, ma è stato bloccato e caricato su una gazzella dell’Arma che a sirene spiegate ha preso la strada della caserma di via Brasile, mentre sul posto arrivavano i rinforzi della Polizia.

Diversi residenti e commercianti sono scesi in strada per cercare di capire cosa stava accadendo. Alcuni testimoni raccontano di aver visto il giovane immigrato a petto nudo mentre veniva bloccato dai carabinieri. Dopo i necessari accertamenti il giovane africano è stato arrestato per violenza e resistenza a pubblico ufficiale.