Quantcast

Gommisti presi d’assalto per montare pneumatici da neve: scatta l’obbligo, multe ai trasgressori

Da oggi fino al 15 aprile bisognerà circolare sulle strade urbane e quelle regionali con le cosiddette 'gomme termiche'. Chi non è in regola sarà multato. Si rischiano anche tre punti sulla patente.

Più informazioni su

Molti l’avevano cerchiato in rosso sul calendario: oggi – 15 novembre – è entrato in vigore l’obbligo di circolare sulle strade con pneumatici da neve. E come da copione molti automobilisti si sono precipitati dal proprio gommista di fiducia per montare gli appositi pneumatici da neve.

Lunghe file davanti alle varie officine della città, ma alcuni sono dovuti tornare a casa e saranno costretti a tornare domani dal proprio gommista. Molti i ritardatari, complice probabilmente pure il bel tempo che fino a ieri ha interessato il Molise e ha scoraggiato tante persone a premunirsi prima del tempo. Anche perchè circolare con le gomme da neve quanto le temperature sono ancora piuttosto alte è sconsigliabile.

“Si sono ricordati tutti oggi e a qualcuno ho dovuto dire di ripassare domani”, dice il titolare di un’officina di Campobasso.

Ma da oggi è la legge – o meglio il Codice della strada- a imporre agli automobilisti di mettersi in regola e di circolare sia nelle aree urbane che fuori dai centri abitati con le termiche (come vengono comunemente definite) fino al prossimo 15 aprile.

Sarà obbligatorio circolare con gli pneumatici da neve sulle strade regionali, su quelle di competenza dell’Anas e sulle arterie provinciali, secondo quanto prevede un’ordinanza del presidente della Provincia di Campobasso Antonio Battista che ha emanato un’apposita ordinanza per garantire la sicurezza durante il periodo invernale.

Queste le arterie interessate: Frentana, Trignina, Annibali- Iacovantuono, Beneventana, Macchie di Spinete, Riccia- Castelpagano, La Guardata, San Massimo, Centocelle, Adriatica, Garibaldi, Cipranense e la sua diramazione, Frosolone, Molise, Molisina, Fossaltina (dall’innesto della Provinciale 41 fino alla rotatoria della provinciale 139 e dalla provinciale 138 alla Provinciale 73), Oratino, Bojano-Baranello, Sepino, Litoranea, Pentrica, Sannitica, Cercepiccola, Montebello, Galdina, Mirabello, Ferrazzano, Ripalimosani, Guardiaregia, Fortore, Cerrosecco, Morrone del Sannio, Provvidenti, Casacalenda, Campochiaro, Spinete, Sepinese, Cercemaggiore – Scalo Sepino, Castellina, Tappina, Bifernina, prima e seconda diramazione Bifernina, Bagnolese, Chietina, Appulo Chietina, Montefalcone – Piano caselle, Larino – Guglionesi, Termolese, Ripaltina, Altilia, provinciale di Tavenna, diramazione Adriatica, Martinese, traversa della Termolese, Deviazione frentana, Circonvallazione di Trivento, Santo Stefano Montorio nei Frentani, Roccavivara, Riccia – Cercemaggiore, Sepino -Petraroia, San Polo Matese, Petacciato, Bojano – Castellone – San Massimo, Montemitro, Civita superiore, Mazzocca di riccia, Montenero di Bisaccia, Riccia – Gambatesa, Vazzieri di Campobasso, Ripabottoni – Morrone, Campitello, Riccia – Paolina, Sperella di Guardiaregia, Tufara – Castelvetere, Petacciato – Guglionesi, Difesa grande, Petacciato-  San Giacomo degli Schiavoni, Fondovalle Sinarca, Tufara – Ponte 13 archi, Gambatesa – Fondovalle Tappino, Pinciara – Posticchio -Sterparone, Melanico, Campodipietra-Vvallarella- Jelsi, San Giacomo-  Ponte rotto, Riccia- Limate, Di Florio – Capoiaccio, Termine-Convento, Serramano, Masserie Felicetti, Guglionesi – Ponte Biferno, Colle di breccia, Rettifilo, San Martino – Nuova Cliternia – Litoranea, Portocannone- Nuova Cliternia, della Diga, San Giovanni in Galdo – Monacilioni, Campolieto – San Giovanni in Galdo, Macchia Valfortore – Contrada Fortore, Mirabello – Quadrivio Monteverde – san Martino- Saccione, Bosco, Fossalto-Pietracupa, Matrice – Santa Maria della Strada, tra la ss 157 – Castellino Nuovo- sp Castellina, Pietracupa, Faiete, Caporio – Centomani, Casalciprano- Fondovalle Biferno, Sterparone, Santa Croce di Magliano-Stazione si Ururi, Maitine, Palata- Fondovalle Biferno, Diramazione Cerrosecco, Cavaliere, Montenero-Mare, Larino- Stazione si Ururi (sp 148), Fondovalle Biferno – sp 105, Fondovalle Trigno – sp 163, stazione di Bonefro – Casacalenda, Adriatica (ex ss 16 ter)ex ss 17 Appulo Sannitica, Valle del Volturno (ex ss 158 dir), Gildonese, Tre Titoli, Ururi, Termolese (ex ss 483), Molesana (ex ss 618 provincia di Campobasso).

Sono interessati dall’ordinanza del capo della Provincia anche i vari innesti della Sannitica, Val Fortore e Fondovalle del Tappino.

Chi viene sorpreso senza gomme invernali o senza catene a bordo verrà sanzionato. Le multe vanno da un minimo di 85 euro a 338 euro (59,50 euro se viene pagata entro 5 giorni). Nelle città in cui è stata emessa una specifica ordinanza la sanzione va da 41 euro a 169 euro (28,70 euro se pagata entro 5 giorni). A ciò si aggiunge la decurtazione di 3 punti sulla patente.

Più informazioni su