Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Febbre alta, tosse e mal di gola: arriva l’influenza. Parte la campagna vaccinale

A partire da venerdi 16 novembre il vaccino sarà disponibile presso gli studi dei Medici di medicina generale, dei pediatri di libera scelta e presso i Centri vaccinali dei Distretti socio-sanitari aziendali. Sarà gratuito per le categorie a rischio

Più informazioni su

Mal di gola, febbre alta e tosse: questi i sintomi dell’influenza 2018 che metterà a letto milioni di italiani. Cinque milioni quelli a rischio.

Il vaccino si rileva un’arma fondamentale per contrastare quella che è considerata una malattia virale altamente contagiosa le cui complicanze, assai frequenti tra le categorie a rischio, possono comportare gravissime conseguenze.

Dunque, per poter avere un maggiore controllo e prevenire l’influenza stagionale e le sue complicanze, la Regione Molise e l’Asrem hanno provveduto ad acquistare e distribuire i vaccini in grado di contrastare i virus in circolazione nella stagione invernale 2018-19.

“A partire da venerdi 16 novembre – riferiscono dall’Azienda sanitaria locale – il vaccino sarà disponibile presso gli studi dei Medici di medicina generale, dei pediatri di libera scelta e presso i Centri vaccinali dei Distretti socio-sanitari aziendali”.

La vaccinazione, fornita attivamente e gratuitamente, è fortemente raccomandata per alcune categorie: anziani con più di 65 anni, bambini e persone affette da malattie croniche, donne al 2-3 mese di gravidanza, persone che per lavoro si trovano a contatto con animali (allevatori, addetti al trasporto di animali vivi, macellatori, veterinari).

“Si rammenta – aggiungono ancora dall’azienda sanitaria – che sono tenuti alla vaccinazione medici e personale sanitario di assistenza, familiari che siano con loro a contatto diretto, addetti ai servizi pubblici di primario interesse collettivo (forze dell’ordine, vigili del fuoco), categorie a cui il vaccino è offerto gratuitamente. Vaccinarsi è un diritto-dovere che serve a proteggere se stessi e gli altri”.

Più informazioni su