Da Gullotta a Buccirosso fino a Scarpati: commedie e grandi classici sul palco del Savoia

Presentata la stagione teatrale 2018-2019. Si inizia il 26 novembre con 'Pensaci Giacomino', un classico di Luigi Pirandello.

Da Leo Gullotta a Carlo Buccirosso, da Valeria Solarino a Giulio Scarpati, conosciuto al grande pubblico grazie alla fortunata serie tv ‘Un medico in famiglia’. E ancora: Glauco Mauri e Roberto Ciufoli.

Ecco i nomi dei protagonisti della stagione teatrale 2018/2019 al Savoia presentata nel pomeriggio di ieri, 5 novembre.

Il primo spettacolo è in programma fra dieci giorni: ‘Pensaci Giacomino’ aprirà la nuova stagione i prossimi 26 e 27 novembre. “Un grande classico di Pirandello interpretato da Leo Gullotta”, le parole della presidente della Fondazione Molise Cultura Antonella Presutti che in un’apposita conferenza stampa ha illustrato i vari appuntamenti della rassegna.

Un ricco programma organizzato grazie ai finanziamenti regionali e in particolare ai fondi dell’Assessorato alla Cultura. Il presidente Donato Toma e l’assessore Vincenzo Cotugno erano assenti all’incontro con i giornalisti per il concomitante impegno in Consiglio regionale. “Li ringrazio, stanno investendo tanto in cultura, il loro impegno è evidente”, ha precisato la professoressa.

Il secondo spettacolo della rassegna è in programma il 9 dicembre, in pieno clima natalizio, quando andrà in scena ‘A Christmas carol’, il musical interpretato da Roberto Ciufoli.

Inoltre, dopo il successo dello scorso anno, il 6 e 7 febbraio torna al Savoia l’attore napoletano Carlo Buccirosso con un’altra esilarante commedia intitolata ‘Colpo di scena’.

Invece il 21 febbraio è in programma ‘The black blues brothers’, il circo acrobatico con le musiche originali dei Blues Brothers.

Spazio anche alcuni classici del teatro: come quello di Molière, ‘Il misantropo’ con Giulio Scarpati e Valeria Solarino. Il 14 marzo si prosegue con Tomas Kubinek in ‘Certified lunatic & master of the impossible’; il 23 e 24 marzo ‘Il costruttore solness’ di Ibsen, interpretato da Umberto Orsini e Lucia Lavia.

Il 2 e 3 aprile sarà portato sul palco del Savoia il grande testo di Dostoevskij, ‘I fratelli Karamazov’, interpretato da Glauco Mauri e Matteo Tarasco.

E ancora: il 17 e 18 aprile il Balletto di Roma salirà sul palco con ‘Otello’. Invece il 27 aprile ci sarà ‘Che disastro di commedia’ con Alessandro Marverti (lo spettacolo è fuori abbonamento), infine si chiude il 7 e 8 maggio con ‘Aspettando Godot’ per la regia di Maurizio Scaparro con Antonio Salines.

Una lunga stagione teatrale, dunque, che prevede anche diverse novità.

“Il coinvolgimento delle scuole d’infanzia ed elementari per gli spettacoli compresi tra il 13 febbraio e il 31 marzo 2019 rappresenta un’altra grossa novità – ha detto la presidente Presutti –  educare i più giovani, i futuri uomini e donne del domani ad andare a teatro rappresenta una grande opportunità e un investimento notevole”.

I bambini assisteranno a ‘Orfeo Euridice Ermes’ il 14 febbraio all’auditorium Gil; il 3 marzo al Savoia a ‘Sogni in scatola’; l’8 marzo è in programma ‘Becco di rame’, mentre appuntamento il 31 marzo con ‘Le ragazzine stanno perdendo il controllo. La società le teme. La fine è azzurra. Sempre al teatro Savoia’.

Presente alla conferenza anche il sindaco e presidente della Provincia di Campobasso Antonio Battista che ha ringraziato di cuore la Fondazione Molise Cultura per l’attività di profondo spessore culturale sul territorio: “Un’attività fondamentale perché dedicata in questa stagione anche ai giovani e ai più piccoli, siamo estremamente soddisfatti e orgogliosi che a Campobasso, dopo Poietika, si svolgano tali eventi di rilievo”.

La biglietteria per gli abbonamenti apre mercoledì 7 novembre alle 10 in piazza Pepe, mentre giovedì 8 sarà possibile abbonarsi anche on line. Saranno azzerati gli abbonamenti della stagione precedente al fine di dare la possibilità a tutti di accedere a teatro. Coloro che intendono abbonarsi alla stagione potranno scegliere 2 abbonamenti, turno A e turno B, ciascuno dei quali contiene al suo interno 6 spettacoli fissi e 2 variabili.