Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Sfalcio dell’erba nel parcheggio di viale Manzoni, M5S: “Intervento tardivo e maldestro”

Ancora polemiche per il parziale intervento di restyling voluto dal Comune di Campobasso nell'area di sosta vicina alla palestra del Cus

Non c’è dubbio: ha fatto parecchio parlare l’articolo di Primonumero sulle aiuole sfregiate al Terminal bus e sul parcheggio risistemato ‘a metà’ in viale Manzoni. 150 posti auto sotto utilizzati, uno spazio abbandonato e lasciato al degrado. Se n’è discusso molto sui social, mentre qualcuno (forse gli stessi operai del Comune) si è pure sentito offeso da quanto avevamo riportato dopo essere stati sul posto la mattina del 16 ottobre. E così 24 ore dopo uno di loro ha postato su Facebook alcune foto per dimostrare che l’opera era stata compiuta e che l’area di sosta vicina alla palestra del Cus Molise era stata completamente risistemata.

Tuttavia, i due interventi – pare pianificati dall’Assessorato ai Lavori pubblici del Comune di Campobasso – sono finiti nel mirino del Movimento Cinque Stelle.

Riferendosi al parcheggio di parcheggio di viale Manzoni, il consigliere comunale Simone Cretella parla di “un intervento tanto tardivo quanto maldestro, finalizzato unicamente a gettare un pò di fumo negli occhi affinché l’assessore di turno, e con esso il sindaco, possa tra qualche mese dire “abbiamo fatto….”. Una sciatta ed incompleta operazione di lifting, una gettata di cemento, anziché il riposizionamento della pavimentazione in betonelle e due rami strappati dagli alberi nelle vicinanze (cosa vuoi che sia, sono solo alberi) a sostegno di un nastro rosso annodato per segnalare, a mò di traguardo, la ‘grande opera’”.
Pezze, quelle pezze chiaramente peggiori dei buchi, sotto forma di cemento, di asfalto, di transenne, di sbarramenti, di lucchetti, che stanno deturpando l’intera città, le sue strade, i suoi marciapiedi, le sue strutture, sempre meno belle, accessibili e fruibili.
Mai un intervento completo, definitivo e ben fatto, solo pezze su pezze, messe con la scusa delle ristrettezze economiche, ma che altro non fanno che rimandare i problemi di qualche mese e moltiplicare i costi (a tutto vantaggio dei “venditori di pezze”).
E la città imbruttisce, sempre più”.

scempio aiuole al Terminal Campobasso

Discorso simile per le aiuole di piracanta del Terminal, ‘colpevoli’ di essere cresciute troppo e di aver invaso la carreggiata. La soluzione? Un taglio drastico più simile a uno sfregio che ad una potatura.

E’ stato un intervento sbrigativo, rozzo. E’ vero che la potatura andava fatta ma non in questo modo. Così la siepe è stata rovinata, i rami tranciati”, dice ancora Cretella. L’esponente di M5S solleva pure qualche dubbio sul mezzo utilizzato: “Probabilmente hanno usato i mezzi che vengono impiegati per le alberature sulle autostrade e sulle statali e non per la siepe che si trova all’interno del piccolo giardino urbano del terminal degli autobus, il primo biglietto da visita per chi arriva in città”.