I Lupi battono un colpo: 1-1 a Jesi. Impresa Isernia, pari per l’Agnonese

Le molisane impegnate nel campionato di serie D tornano a fare punti nella quinta giornata del girone di andata.

Il primo effetto della mini-campagna acquisti con cui il club rossoblù ha rinforzato in settimana la rosa arriva a Jesi: il Campobasso pareggia 1 a 1, avrebbe la possibilità di vincere contro un avversario rognoso e su un campo ‘caldissimo’. L’esordio di Magri e Cognati cambia il volto alla squadra e al match: il difensore ex Chievo sigla la rete del pareggio, mentre la punta (che Mandragora inserisce al posto di Da Dalt) riesce a dare più qualità al reparto offensivo campobassano. Bene pure Merio, anche lui arrivato in settimana, e Diop che, dopo aver giocato sempre scampoli di partita, a Jesi prende il posto di Danucci all’inizio della ripresa e riesce a velocizzare la manovra rossoblù.

Lupi impegnati allo stadio ‘Pacifico Caroti’ per la quinta giornata del girone di andata.

Primo tempo da dimenticare per l’undici di Mandragora che al 21′ subisce il vantaggio della squadra marchigiana. Antonelli atterra Cameruccio al vertice sinistro dell’area e l’arbitro assegna il rigore. Insacca Bubalo, temibile attaccante arrivato in settimana a Jesi. La reazione degli ospiti? Quasi nulla.

Bisogna aspettare il secondo tempo e i cambi che effettua l’allenatore del Campobasso. Al 61′ la Jesina resta in dieci: l’autore del vantaggio dei locali viene espulso per un fallo su Diop. I rossoblù iniziano a farsi vedere di più nell’area biancorossa: al 73′ Giacobbe con un pallonetto sfiora il pari, la palla finisce fuori di un soffio. Al ’76 clamoroso errore del portiere di casa che perde la palla. Se ne impossessa Cogliati che però non è lesto ad depositarla in fondo alla porta dei locali: David riesce a rientrare tra i pali e a parare sulla linea.

All’86 il pareggio ospite: la firma è del campobassano Magri. Il Campobasso potrebbe tentare l’affondo finale approfittando della seconda espulsione tra le fila di casa. La Jesina finisce in nove quando il direttore di gara sventola il cartellino rosso davanti al naso di Nonni. Giacobbe ha per due volte la palla per il colpo del ko, ma non riesce a insaccarla.

Il pareggio non cambia sostanzialmente la situazione in classifica dei Lupi, ma riaccende le speranze dei tifosi campobassani: probabilmente con i nuovi acquisti si potrà cominciare un altro campionato. Domenica prossima, 14 ottobre, si torna a giocare al Selvapiana dove arriverà la Recanatese del bomber Pera.

Chi scala invece la graduatoria del torneo è l’Isernia di mister Silva (ex allenatore dei Lupi): a Savignano sul Rubicone, in provincia di Forlì-Cesena, i biancocelesti compiono un’impresa vincendo grazie ad una rete di Romano. E fra sette giorni affronteranno in casa, allo stadio ‘Lancellotta’, proprio la Jesina.

Riesce a strappare un punticino l’Olympia Agnonese che in settimana è stata affidata all’ex Campobasso Antonio Foglia Manzillo. Al 93′ Corbo firma l’1-1 contro la Sammaurese. Prossimo avversario dei granata al Civitelle sarà l’Avezzano.