Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Seconda edizione del festival ‘Interferenze’: la presentazione al cinema Sant’Antonio

Non sarà una semplice conferenza stampa quella che si terrà nella giornata di sabato 13 ottobre alle ore 17 nella sala dell’ex cinema sant’Antonio a Termoli. La presentazione di Interferenze, la rassegna di cinema per la solidarietà sociale giunta quest’anno alla sua seconda edizione, sarà – così come l’idea alla base dell’intero festival e che anima gli organizzatori – un’occasione per mettersi in rete e dialogare di inclusione.

“Dove aumenta il pericolo cresce anche ciò che salva”, questo il messaggio che gli organizzatori hanno scelto per restituire il senso di questa edizione del Festival. Un messaggio che si propone di mettere in luce le buone pratiche che quotidianamente si sviluppano in città, e non solo, mentre tutto intorno pare diffondersi una nuova barbarie. Far crescere la solidarietà laddove aumenta l’indifferenza; far crescere il dialogo laddove aumentano i muri; far crescere la cultura laddove aumenta l’ignoranza; far crescere la cooperazione e il lavoro di rete laddove aumentano gli egoismi e le frammentazioni.

Proprio il costante e paziente lavoro di rete è uno dei tratti salienti del progetto: la rete di associazioni culturali che compongono Tempi Moderni (Circolo del cinema Lino La Penna, Cinema Oddo, Casa del libro, Libreria Farenheit, Associazione culturale Antigone), il Centro diurno Chesensoha, la Consulta per le disabilità del Comune di Termoli, lo Sprar (Sistema di protezione dei Richiedenti Asilo e dei Rifugiati) – progetto del Comune di Termoli gestito dalla Caritas diocesana di Termoli-Larino -, l’Associazione Fa.c.e.d. (Famiglie contro l’emarginazione e la droga) e La città Invisibile si daranno infatti appuntamento per illustrare alla stampa e alla cittadinanza le attività di questa nuova edizione del Festival sabato pomeriggio.

Saranno presenti anche esponenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado che hanno aderito alle attività di sensibilizzazione previste durante e dopo il Festival.

Sensibilizzare il territorio locale ed agire al suo interno al fine di contrastare il fenomeno delle marginalità sociali e individuare nuove possibili vie per costruire comunità inclusive ed integrate: questo quanto si propongono di attuare le associazioni, i gruppi, le istituzioni coinvolte nel progetto.

Alla presentazione del Festival, che inizierà lunedì 15 ottobre, verrà associata quella dei lavori prodotti durante l’anno scolastico trascorso dalla prima edizione, che hanno visto protagonisti i ragazzi delle scuole: Interferenze infatti non si riduce al solo Festival, ma le attività di sensibilizzazione e coinvolgimento proseguono oltre le giornate delle proiezioni.

Anche l’incontro pubblico di sabato si colloca all’interno delle iniziative correlate al Festival vero e proprio: non una semplice conferenza stampa, dunque, ma un’ulteriore occasione per ascoltarsi e manifestarsi, per spiegarsi, dialogare, mettersi in rete; un modo per condividere insieme un bel momento all’insegna della cultura e della solidarietà.

Gli organizzatori pertanto invitano alla partecipazione non solo la stampa ma la cittadinanza tutta.