Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Riccia, troppi automobilisti indisciplinati. Comune potenzia i Vigili per fare le multe

Più informazioni su

Riccia ha un problema. Il traffico. O meglio, il parcheggio selvaggio. Può apparire strano o insolito per chi vive in una cittadina più grande, ma chi frequenta i paesi sa perfettamente che molto spesso è proprio qui che si concentrano le maggiori violazioni al codice della strada, complice la mancanza di controlli e l’esiguità di vigili urbani.

Riccia dunque ha un problema: i tanti, troppi automobilisti che parcheggiano le loro vetture dove capita, in violazione della segnaletica stradale, creando disagi, code, rallentamenti e anche pericoli per i pedoni soprattutto nelle zone più trafficate del centro. Se ne è discusso ieri in Consiglio comunale, dove è stato deciso alla unanimità, di fare propria la proposta dei consiglieri Santoriello, Fanelli e Zingarelli circa le problematiche legate alla viabilità e alla circolazione automobilistica.

È stato demandato al sindaco Pietro Testa, subentrato a Micaela Fanelli dopo le elezioni regionali, di individuare e adottare tutte le misure necessarie ad arginare il problema del parcheggio selvaggio, migliorando anche la segnaletica stradale orizzontale e verticale, sensibilizzando l’opinione pubblica nei confronti di questo problema anche nel tentativo di educare i cittadini a un uso responsabile dell’automobile. Già, perché capita che si esca in auto anche per percorrere 200 metri e questo non fa altro che intasare il centro.

Ma non solo: il sindaco è stato impegnato anche a chiedere al corpo di Polizia Municipale alla stazione dei Carabinieri un maggiore controllo sulla problematica del parcheggio selvaggio e sulla velocità di percorrenza decisamente elevata di alcune strade del centro abitato, intensificando le multe. Da qui il sindaco Testa, nell’intervento conclusivo, ha ricordato che solo pochi giorni fa è stato potenziato all’ufficio dei vigili urbani con un’altra unità operativa. Ci si è dati appuntamento al prossimo Consiglio per illustrare le azioni intraprese.

 

Più informazioni su