Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Pizzerie da impazzire anche nel Molise. Il Gambero Rosso ne premia cinque, eccole foto

Al piatto e al taglio: alla scoperta delle migliori pizzerie da Campobasso a Isernia secondo il Gambero Rosso, che nella sua guida 2019 appena uscita assegna un punteggio degno anche a cinque paradisi del gusto molisano. Ecco quali sono le pizzerie da non perdere per i critici gastronomici che hanno assegnato gli "spicchi"

Alla napoletana o all’italiana, tradizionale o rivisitata: prima o poi, nella vita, la pizza conquista il palato di tutti. Spuntano nuovi locali ovunque perché la pizza è uno… spicchio importante della cultura italiana, quella partenopea in particolare. Il Molise, che da Napoli dista davvero poco, non fa eccezione. E non serve per forza andare all’ombra del Vesuvio per gustare una buona Margherita.

Il Gambero Rosso ha stilato anche quest’anno la classifica delle pizzerie, al piatto e al taglio, che, secondo parametri ben precisi, sono tra le migliori per prodotto, servizio e ambiente. Con un’interessante novità per la guida 2019 appena uscita: l’introduzione di un punteggio.

Se la Mecca della buona pizza resta per noi a Sud, precisamente a Caiazzo, dove spopola il mitico Pepe In Grani, quest’anno primo assoluto, in Molise si fanno largo, a colpi di passata di pomodoro e manciate di basilico, quattro pizzerie al piatto e una al taglio. Punteggio migliore per Miseria e Nobiltà (86) nel centro storico di Campobasso, che guadagna due spicchi (l’equivalente delle stelle Michelin, il massimo è tre) e una super recensione che elenca le virtù di Simone Passarelli: “Farciture che chiamano in causa tutto il buono della regione (salumi, formaggi, pomodori e altri ortaggi)” si legge e una “sfiziosa carrellata di proposte della casa, che arrivano a tavola già spicchiate e da condividere belle calde” in un “ambiente elegante”.

Vetrina di lusso su Pizzerie d’Italia anche per La Taverna del Re, a Campobasso: 83 punti, due spicchi e una rispettabilissima scheda critica che attacca così: “Una volta assaggiate le pizze di Roberto Miele (pizzaiolo in costante ascesa) sarà difficile tornare indietro, perché i suoi impasti leggeri e gustosi, sposati a materie prime di rara qualità, vizieranno il vostro palato”. Non male, davvero. Tra l’altro la rivista annuncia una nuova pizzeria alle porte (aperta infatti da pochi giorni) per Miele, a poca distanza dall’altro locale, sempre in via Crispi.

Gli altri ‘big della pizza’ di casa nostra sono rispettivamente a Isernia, Ripalimosani e ancora Campobasso. ‘O Pizzaiolo, nel borgo di Isernia, prende uno spicchio e si avvale di una certezza: che in questo luogo “il bello dell’elegante locale corrisponde anche al buono delle pizze”. E poi c’è Cine-Città di Ripalimosani che porta a casa la bellezza di 84 punti e due spicchi. ‘Il Gambero’ ne esalta i prodotti impiegati: “Tutto è valorizzato dalla qualità delle materie prime impiegate per le farciture, dal pomodoro di Montagano agli altri ortaggi a chilometro zero, i latticini e i formaggi regionali”.

Infine la regina delle pizzerie al taglio, unica recensita nella guida per il Molise, che è Marzitelli, campobassana doc. Anche qui sono a effetto le parole del ‘Gambero’. Ambiente ospitale e bontà dei prodotti per il locale di Fontanavecchia. che si guadagna 78 punti e una ‘rondella’.

La qualità dei prodotti molisani è in una costante delle recensioni di ‘Gambero Rosso’. Ed è il punto di forza di tante altre pizzerie molisane non presenti sulla guida. Non è una novità che alle nostre latitudini si banchetti ottimamente. Un bel pezzo di Molise accogliente e genuino, checché ne dicano le serie Tv, gli autori e gli attori con le loro noiose battute precotte, gente che da noi evidentemente non è mai stata.