Nasce la chiesa ecosostenibile ‘Mater Misericordiae’ che recupera l’energia

Si chiama ‘Mater Misericordiae’ ed è la nuova chiesa ecosostenibile che sorgerà nella zona della marina ‘Costa Verde’ di Montenero di Bisaccia. I lavori, avviati grazie al finanziamento dell’otto per mille, dovrebbero terminare entro 400 giorni.

L’intervento ha un costo complessivo che supera i 2milioni di euro e fa parte del progetto destinato alla Comunità Pastorale di Montenero che comprende anche un altro lotto, avviato da poco, relativo alla costruzione della casa canonica e dei locali per le attività pastorali nella Chiesa di San Paolo Apostolo, per un importo che si aggira sul milione e mezzo di euro. In questa chiesa sono previste anche opere artistiche, sempre finanziate dall’otto per mille per circa 135mila euro.

La particolarità del prospetto è l’attenzione alla sostenibilità ambientale, raggiunta grazie all’utilizzo di soluzioni tecniche innovative e all’impiego di materiali speciali che consentono anche il recupero dell’energia: nella costruzione si è tenuto conto dell’orientamento e dell’esposizione solare degli edifici, dell’equilibrio con l’ambiente circostante, della possibilità di reimpiegare l’acqua piovana, dell’uso di caratteristiche costruttive corrette e di materiali idonei non pericolosi per la salute.

“Il progetto della chiesa Mater Misericordiae – spiega il vescovo della diocesi di Termoli-Larino Gianfranco De Luca – È segno e rinnovato motivo di presenza della chiesa locale sul territorio e si propone di rispondere a un bisogno di ascolto, incontro e spiritualità in un’area che, durante l’estate, si riempie di tante persone che trascorrono le vacanze alla Marina cercando ristoro dalle fatiche quotidiane ma anche considerando una zona in espansione residenziale.

Costruita con materiali 100% italiani, la chiesa può contare su prodotti quali il legno e la calce canapa, entrambi naturali e capaci di rendere gli edifici energicamente più efficienti, sani e confortevoli. Per quanto riguarda l’orientamento e la radiazione solare, è stata posizionata in modo tale che le facciate e le coperture che guardano a nord sono più minimali e hanno minori possibilità che il vento e la pioggia possano influire il comfort interno. Inoltre, per aiutare il movimento dell’aria, soprattutto di quella calda, verranno inseriti dei canali con aperture sia verso il pavimento che sul soffitto in modo da ottenere l’effetto camino. In questo modo l’aria calda salirà naturalmente e uscirà dalle aperture in alto mentre l’aria fredda entrerà attraverso le aperture alla base.