Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

L’eurodeputata eletta (anche) coi voti dei molisani lascia il M5S: “Ci controllano persino Facebook”

Si dimette dal gruppo grillino la vastese Daniela Aiuto in polemica con Casaleggio e le restrizioni imposte dal partito

Più informazioni su

L’europarlamentare Daniela Aiuto, eletta nel 2014 anche grazie ai voti dei molisani, lascia il Movimento Cinque Stelle e lo fa in aperta polemica con Davide Casaleggio, l’uomo che tramite la Casaleggio Associati è considerato l’eminenza grigia dei pentastellati. E decide di lasciare il M5s svelando retroscena che spiegano il perché dell’abbandono.

Piccolo passo indietro. Chi è Daniela Aiuto? Forse è sconosciuta ai più dalle nostre parti, mentre è nota a Vasto, visto che è originaria della cittadina abruzzese vicinissima al Molise. Ma ci sono sicuramente tanti voti molisani fra le sue 37064 preferenze riportato alle elezioni europee della primavera 2014, quando la Aiuto si candidò nella circoscrizione IV – Italia Meridionale. Di molisani candidati fra i pentastellati all’epoca c’era il solo Pasquale Casmirro di Campobasso, che in un certo senso con 14680 voti contribuì a mandare la Aiuto a Bruxelles.

Ebbene dopo oltre quattro anni da europarlamentare e all’approssimarsi delle candidatura per le elezioni 2019, la Aiuto dice basta ai grillini. Lo fa ufficializzandolo con un comunicato stampa, per altro anticipato da un’intervista rilasciata al quotidiano La Stampa. “Le ragioni, ampiamente approfondite nell’intervista al quotidiano torinese, sono le molte difficoltà di dialogo e le tante restrizioni anche personali durante il mio mandato, anche nella fase dell’auto-sospensione” si legge nella nota stampa.

Fra queste, particolare rilievo viene dato alla “richiesta della Casaleggio di avere le password Facebook degli europdeputati. Io non la diedi, ma altri sì”. E persino altre restrizioni come “indicazioni su come vestirsi e truccarsi” e più in generale un controllo sul destino politico dei singoli parlamentari. “Possono decidere il successo o l’affossamento mediatico di ognuno di noi” prosegue la Aiuto che definisce Davide Casaleggio “una persona senza empatia“.

Nella nota, per altro diffusa in terza persona, la 42enne vastese nata in Svizzera si dichiara “amareggiata come politico e come donna per essere stata lasciata ai margini del MoVimento senza ragione” ma promette che proseguirà, “in ogni caso, nel rispetto dei miei elettori e della mia stessa persona il mandato ricevuto con l’impegno di sempre, a difesa dei valori e degli ideali che ho sempre perseguito, mai cambiando l’atteggiamento di rispetto e integrità sempre tenuto nelle commissioni che mi hanno vista protagonista, così come il mio percorso politico può ben testimoniare”.

Infine l’europarlamentare ringrazia comunque i vertici grillini “per l’opportunità avuta, così come per il futuro sosterrò a distanza i molti amici e colleghi che lascio nel MoVimento”.

Più informazioni su