La Magnolia continua a stupire: quarta vittoria consecutiva contro l’Elite Roma

Prosegue quindi l’avvio da applausi per le rossoblù che stasera, 21 ottobre, hanno espugnato anche il parquet dell’Elite Roma

Meglio di così la stagione non poteva iniziare. La Magnolia continua a sorprende: quarta vittoria su altrettante partite di campionato per la formazione molisana impegnata nel campionato di basket di serie A2. Prosegue quindi l’avvio da applausi per le rossoblù che stasera, 21 ottobre, hanno espugnato anche il parquet dell’Elite Roma con una prova di grande sostanza che porta ben tre elementi in doppia cifra (Ciavarella top scorer a quota sedici sotto gli occhi del commissario tecnico dell’Italbasket tre contro tre Angela Adamoli) e due vicine alla doppia cifra.

Determinante, tra le altre cose, il passaggio a zona delle rossoblù dopo l’intervallo lungo che consente loro di prendere margine e di venire fuori in un impianto che, per le sue dimensioni ristrette, rappresenta un’importante certezza per le capitoline e dove già era caduta San Giovanni Valdarno.

“Senz’altro nei primi due quarti abbiamo sofferto tanto – la disamina a referto chiuso di coach Mimmo Sabatelli – anche perché questo è un campo difficile, dove non sarà facile per nessuno imporsi. Buona la prestazione della squadra con l’ulteriore segnale di una grande compattezza in difesa e di un roster profondo, dove a turno tutte possono essere protagoniste”.

Festa grande, peraltro, al termine per le magnolie che hanno avuto l’incitamento costante e continuo dei supporter partiti dal capoluogo di regione.

 

IL TABELLINO

INTEGRIS ELITE ROMA 43

LA MOLISANA MAGNOLIA CAMPOBASSO 57

(12-11, 26-28; 33-39)

ROMA: Grattarola 7, Buscaglione, Loi ne, Introna, Di Stazio 2, Masic 16, Kolar 2, Magistri 10, Bambini, Gentile, Chrysanthidou 6, Salvucci ne. All.: Prosperi.

CAMPOBASSO: Marangoni 10, Porcu 10, Sammartino ne, Ciavarella 16, Di Gregorio, Želnytė 9, Falbo ne, Bove 8, Mandolesi ne, Reani 2, Smorto 2. All.: Sabatelli.

ARBITRI: Giustarini (Grosseto) e Bertuccioli (Pesaro Urbino).

NOTE: uscita per cinque falli Želnytė (Campobasso). Progressione punteggio: 2-6 (5’), 18-22 (15’), 33-33 (25’), 37-47 (35’).