Il Molise si conferma terra di vocazioni: i giovani Stefano e Mariano diventano sacerdoti

Sono molto giovani: uno ha 26 anni, l’altro 29. Don Stefano Fracassi e don Mariano Gioia sono i nuovi sacerdoti della Diocesi di Campobasso.

Il primo, nato a Campobasso il 25 dicembre 199, proveniente dalla parrocchia di Limosano, sarà impegnato come vice parroco nella parrocchia di san Nicola di Mira a Macchia Valfortore in unità pastorale con quella di Sant’Elia a Pianisi. Invece il secondo, nato a Campobasso il 2 ottobre del 1989, dopo l’esperienza nella parrocchia di Bojano, ha ricevuto l’incarico di vice parroco nella parrocchia di San Giovanni in Galdo e collaboratore dell’unità pastorale di “san Martino” a Campodipietra. Stefano e Mariano hanno frequentato il Pontificio Seminario Regionale (abruzzese e molisano) san Pio X di Chieti e hanno conseguito il grado del baccalaureato in Sacra teologia presso l’Istituto Teologico abruzzese e molisano Pianum di Chieti.

La Basilica dell’Addolorata di Castelpetroso (patrona del Molise) ha ospitato la cerimonia di ordinazione presbiterale, come era avvenuto qualche giorno prima con l’ordinazione diaconale di altri due giovani, fra Diego (Messico) e fra Benedetto (Ungheria), della comunità Maria Stella dell’Evangelizzazione, in occasione della Giornata Mondiale Missionaria.

A celebrare il sacro rito il vescovo di Campobasso Giancarlo Bregantini: “Lanciati come Chiesa verso le periferie della storia, in un clima di servizio, umile e zelante”, le sue parole.

“Tu sei sacerdote per sempre, al modo di Melchisedek. Il prete è scelto tra gli uomini e per gli uomini. Come nel ritiro fatto dalle suore di clausura a Faifoli (Montagano), ci deve essere il tra e il per. E’ come il venire e ritornare. Il tra è la forza che voi avete, il paese da cui siete nati, le famiglie che vi hanno dato la vita, la cultura molisana; non dimenticate mai che siete figli di questa terra, il Molise”.

Il Molise dunque si conferma terra di vocazioni.